menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La contestazione a Salvini in piazza Garibaldi

La contestazione a Salvini in piazza Garibaldi

Lega Nord davanti alla Prefettura: contromanifestazione di Art Lab in piazza Garibaldi

I ragazzi dello spazio Artlab organizzano, per rispondere al presidio della Lega Nord in Prefettura, un presidio in piazza Garibaldi, alla stessa ora della manifestazione leghista contro il bando per i richiedenti asilo

Per rispondere alla manifestazione della Lega Nord che si terrà sabato 7 marzo alle ore 10 davanti alla Prefettura, contro il bando indetto dalla Prefettura per i richiedenti asilo presenti sul territorio di Parma e provincia i ragazzi dello spazio autogestito Artlab, insieme alla Rete Diritti in Casa e all'associazione Prchè no?,  organizzano un presidio fissato per il 7 marzo alle ore 10 in Piazza Garibaldi e lanciano un appello alla cittadinanza: "invitiamo la parte giusta della città, quella antirazzista, antisessista, antifascista e solidale, a prendere parte al presidio"

IL COMUNICATO DI ARTLAB

Piccoli camaleonti crescono. E per cambiar colore cambiano le felpe. E forse è proprio da questa considerazione che bisogna partire per capire cos’è successo sabato 28 a Piazza del Popolo. L’elemento che ha maggiormente colpito di questa trasferta romana della Lega è stato lo smaccato trasformismo degli irriducibili padani del ”Roma ladrona” tramutatisi improvvisamente in fan della città eterna. Nel corteggiamento nei confronti della capitale, da sempre identificata come il covo della corruzione e del malaffare, non è mancato “Roma è una città civile, una città stupenda, colorata, arrabbiata ma pacifica”. Ma l’improvvisa infatuazione capitolina altro non è che uno degli effetti del cambio di colore del camaleonte: autonomia, federalismo, indipendentismo padano, la demonizzazione di un Sud ozioso e parassita hanno strategicamente ceduto il passo ad un decisamente più funzionale nazionalismo, coltivato all’ombra delle Le Pen in fiore. Vuoi mettere la presa di un nero, di un maghrebino, di un musulmano come nemico da incoronare rispetto ad un insipido ”terun napoletano”? Bisogna stare al passo coi tempi, tendere l’orecchio al borbottio delle pance delle masse; e cosa vuoi che attecchisca di più nelle viscere di un italiano impoverito e frustrato dell’odio verso l’immigrato che gli ruba il lavoro? La ricetta vincente è scegliere un nemico più lontano e numericamente molto più consistente, affinché numericamente molto più consistente diventi anche il consenso politico e l’armata Brancaleone dei difensori della patria. Poi c’è l’Islam, che anche quello aiuta: basta fare un po’di gioco delle tre carte tra jidahisti, profughi e clandestini ed ecco che i barconi diventano agli occhi dell’italiano, già diffidente di suo, le navette del Califfato.

Nel gioco delle tre carte, il K.O Game e l’arrivo di 350 profughi che scappano dalle guerre si fondono creando il pretesto utile alla Lega per scendere in piazza, in una Parma che ormai è diventata un ”far west”, per reclamare sicurezza. Sicurezza che, secondo il buon Fabio Rainieri (segretario della Lega Nord Emilia), verrebbe messa a repentaglio dal bando pubblicato dalla prefettura per l’accoglienza di queste persone. Consapevoli del fatto che alla base di una società sicura ci sia la giustizia sociale, non possiamo fare altro che scendere in piazza contro chi discrimina seminando odio e paura. Chiediamo a gran voce che i fondi vengano investiti realmente nell’accoglienza senza dare opportunità agli speculatori di turno di arricchirsi sulla pelle di centinaia di uomini e donne; chiediamo, inoltre che il monitoraggio dell’ utilizzo di questi finanziamenti venga sottoposta alla supervisione dei progetti e delle associazioni antirazziste che da anni lavorano realmente con i migranti e le migranti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: stop ai diesel Euro 4 fino a venerdì 5 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Ponte della Navetta, Alinovi al Ministero: “Aprirlo entro Pasqua”

  • Attualità

    Aree verdi: 250 mila euro per i nuovi giochi bimbi

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento