menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Legionella, il problema è Pizzarotti"

L'attacco al sindaco del consigliere Pellacini

"Aumentano i casi di legionella a Parma -si legge in una nota di Giuseppe Pellacini- e si può dire che il vero problema è Pizzarotti. Continua a non interessarsi del problema dopo non aver fatto nulla per lungo tempo, la notizia a Parma è infatti stata data dal Servizio di Igiene e Sanità Pubblica, l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma che dobbiamo ringraziare insieme con i tecnici comunali e Iren che in queste ore stanno lavorando per la nostra salute. Noto che Pizzarotti parteciperà alla riunione pubblica a quanto pare organizzata da altri. 

Pizzarotti è riuscito a dire: “va tenuto presente che ci sono una decina di giorni di incubazione, quindi probabilmente si tratta di persone che avevano contratto il virus prima che fosse nota la presenza dello stesso nel quartiere Montebello”. Non farà nulla quindi per cercare il paziente zero? Non si cerca il focolaio? Il punto in cui c’è quell’acqua malata che rischia di causare un’epidemia anche molto estesa? 

Negli altri casi di città in cui è stata riscontrata la legionella le cose sono andate molto diversamente. A luglio di quest’anno, nella piscina San Marcellino di Firenze un’ordinanza comunale preventiva ha fatto chiudere l’impianto chiedendo la bonifica dopo i test positivi ai batteri. 
Lo scorso aprile L’Azienda Sanitaria Locale di Savona ha riscontrato la legionella in un camping, sgomberato dopo poche ore dalla forza pubblica a cui sono stati staccati anche gli allacciamenti. 
A marzo 2016, alla scuola media a Montignoso di Massa Carrara è stato riscontrato un solo caso di legionella. Il Sindaco è intervenuto a scopo cautelativo proibendo di toccare l’acqua: vietato bere, vietato farsi la doccia, vietato anche solo lavarsi la faccia. Sapete cosa ha detto il M5S da cui proveniva Pizzarotti? “Il Sindaco non ha intrapreso azioni forti a tutela dei fruitori per scongiurare rischi di contrarre malattie o peggio epidemie”, in sostanza doveva vietare l’uso e l’ingresso a tutte le strutture della scuola. A Parma, teoricamente a Governo 5 Stelle, si fa meno di niente.
A gennaio 2015 il Sindaco di Bresso (26mila abitanti) ha ordinato di fare la doccia a 65 gradi per annientare la legionella. Ha anche ordinato sanificazioni a condomini e strutture. Dopo un primo caso di ottobre erano stati avviati controlli ma l’ordinanza è rimasta attiva per oltre un mese dopo che non si sono registrati nuovi casi. Sono state inoltre chiuse le fontane pubbliche ed è stato diffuso il decalogo anti-legionella in tutti gli spazi pubblici, anche appesi alle fermate dei bus per farli vedere.
Se non si cerca il punto di contagio, come si può intervenire? Intanto Pizzarotti parla delle beghe del partito da cui è uscito giusto prima di essere espulso. 

Si può capire quindi che il Sindaco ha ampio potere visto che per suo mandato è responsabile della salute pubblica. 
Come sempre Pizzarotti è impegnato in altre cose, non si preoccupa certo di Parma, così non si è accorto che la notizia dell’aumento dei casi di legionella era già stata pubblicata: 13 casi fino a settembre, due al mese. 
A un Sindaco non dovrebbe accendersi una lampadina in testa? Un allarme? Non dovrebbe informarsi subito dai dirigenti Asl e della Sanità Pubblica? 

Le cose, forse, sono andate diversamente. I casi di legionella erano in aumento e iniziavano a farsi preoccupanti così che le autorità sanitarie competenti, non il Sindaco, hanno diramato la notizia. Poi sono arrivati altri casi, sono arrivate persone all’ospedale che lamentavano sintomi e problemi. 
La riprova è nelle parole di Pizzarotti che ha chiamato in causa il tempo di incubazione di una decina di giorni. Si tratta di persone in stato avanzato della malattia così da pensare che il contagio possa essere stato nei primi giorni di settembre, forse prima. 
Non sarà successo come per l’alluvione? E’ forse arrivato qualche fax che è stato messo a tacere nel cassetto? Per questo motivo ho già avviato le verifiche del caso di cui non mancherò di tenere aggiornata la cittadinanza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Al Family Food Fight trionfa Parma con i Dall'Argine

Attualità

Covid: a Parma oltre 124 mila vaccinazioni

Attualità

Tre nuove piste ciclabili: lavori per 1 milione e 150 mila euro

Attualità

Il Museo d’Arte Cinese di Parma protagonista alla Sapienza di Roma

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 84 nuovi casi e 2 morti

  • Cronaca

    Parma potrebbe passare in zona gialla dal 26 aprile

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento