Tangenziale di Lesignano: terzo ricorso al Tar contro il progetto Bretella Ovest

"L'11 luglio scorso -si legge in una nota di Lesignano Futura- il sindaco ha autorizzato la sitta (ATI Sitec - Piazza) vincitrice dell'appalto del 2011, appalto decaduto, ad entrare nell'area del Cantiere e lavorare per due giorni effettuando scavi e movimenti terra"

Lavori per la realizzazione della bretella

"L'Associazione Lesignano Futura (ALF) -si legge in una nota- insieme ad altri 23 cittadini, il giorno 4 luglio ha presentato al Tribunale Amministrativo Regionale il terzo ricorso impugnando anche il Progetto Preliminare della "bretella ovest", in passato pomposamente chiamata tangenziale, di Lesignano de' Bagni. Questo atto si è reso necessario poiché la Giunta Comunale pare voler perseguire con cieca determinazione un progetto che è già stato fermato da una sentenza del TAR, che è ancora pendente davanti al Consiglio di Stato, e ignora le impugnative di tutti gli atti precedenti (PSC e stralcio di POC).

E' necessario ribadire il grave, innegabile danno ambientale che tale Progetto già produce e produrrà. Tutto per sviluppare 500 metri di strada che finiscono in un imbuto, ovvero creerebbero, di fatto, una nuova strettoia. Incurante o ignaro delle leggi vigenti e del fatto che l'area è sottoposta a vincolo idrogeologico, l'11 luglio scorso il Sindaco ha autorizzato la Ditta (ATI Sitec - Piazza) vincitrice dell'appalto del 2011 (appalto decaduto, come tutti gli atti, a seguito della sentenza del TAR del 2012) ad entrare nell'area del cantiere e lavorare per due giorni effettuando scavi e movimenti terra.



Tali lavori sembrano finalizzati a mimetizzare gli smottamenti e le colate che si sono prodotti anche sul versante della bretella nella scorsa primavera.  E' infatti noto che, dopo le piogge dello scorso aprile, nel Comune si sono verificati ben 19 nuovi fenomeni di dissesto in un territorio che ne conta già parecchi. Ma questi dati di realtà pare non esistano per gli Amministratori di Lesignano che non pensano mai al Bene Comune.

La Maggioranza, in Consiglio Comunale, ha anche rigettato una mozione con la quale i Consiglieri di Per Lesignano Civica facevano presente l'opportunità di destinare i fondi per la bretella al ripristino del Territorio laddove ci sono stati i danni causati dal dissesto e ci sono quindi cittadini in difficoltà. Un ultimo esempio: per nascondere le proprie incapacità, gli Amministratori aggiungono ai fondi già impegnati: circa 30.000 € solo di spese legali, circa 50.000 € per pagare il costo del Progetto della nuova bretella, identico al precedente, senza contare il costo relativo al Progetto di rotatoria sulla Strada Prov. 16, necessario e non ancora finanziato. E la Giunta che fa? Portando a scusante la situazione di crisi, che c'è ed è pesante alza tutte le tariffe comunali e le aliquote delle imposte. E' chiarissimo quindi che sono solo i cittadini a pagare i costi di questo Progetto assolutamente inutile".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tavolini ammassati e clienti senza mascherina: chiuso un locale di via Farini

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

  • Sequestrati 70 chili di alimenti scaduti in un ristorante di Parma

  • Parma, ipotesi Longo come nuovo Ceo

  • Controlli anti Covid durante la movida: multe ad una cena 'privata' a Chiozzola

  • Krause e il mercato: "A breve annunci: ringrazio i soci, ora decido io"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento