menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Liberazione, deposte le corone commemorative in vari luoghi della città

Fra i presenti un uomo che davvero ha vissuto attivamente la Resistenza a Parma: il partigiano  Renzo Novara, presidente dell'Associazione Partigiani Cristiani, combattente in val Taro con la seconda Brigata Julia

Di fatto hanno preso avvio oggi 22 aprile le celebrazioni del 25 aprile, festa della “Liberazione”, di cui ricorre il 71° anniversario, con la deposizione di corone di alloro in vari punti della città. Il corteo si è formato in piazza Garibaldi dove il Prefetto Giuseppe Forlani, il presidente del Consiglio Marco Vagnozzi e il presidente dell'Istituto Storico della Resistenza Attilio Ubaldi hanno deposto una corona d’alloro in corrispondenza della lapide che ricorda i “Sette martiri”, alla presenza delel associazioni partigiane e combattentistiche ANPI, ALPI, APC, ANPPIA e ANED.  Fra i presenti un uomo che davvero ha vissuto attivamente la Resistenza a Parma: il partigiano  Renzo Novara, presidente dell'Associazione Partigiani Cristiani, combattente in val Taro con la seconda Brigata Julia.

In occasione di ogni tappa del corteo è stata data lettura di brani che rievocano gli eventi di cui quei luoghi sono stati protagonisti. A dare voce alle parole che hanno rievocato momenti drammatici  della Resistenza a Parma, diversi attori della Famija Pramzana.

Due agenti del corpo di polizia municipale hanno deposto una corona d’alloro in corrispondenza di varie lapidi commemorative della città. La prima lapide è stata quella di piazza Garibaldi che commemora la fucilazione di Giuseppe Barbieri 30 anni, Vincenzo Ferrari 41 anni, Gedeone Ferrarini 39 anni, Afro Fanfoni 40 anni, Eleuterio Massari 42 anni, Ottavio Pattacini 38 anni e Bruno Vescovi 19 anni, il 1 settembre 1944, barbaramente trucidati per rappresaglia della Brigata nera proprio nella piazza simbolo della città. Il corteo ha fatto poi tappa in borgo Sanvitale dove nel 1943 fu istituto il Comitato di Liberazione Nazionale, in via Cavestro, in Tribunale, in via Padre Onorio, alla sezione del Tiro a segno Nazionale di Parma ed alla Villetta. 

Nel pomeriggio il corteo nuovo appuntamento per la deposizione delle corone d'alloro alle lapidi commemorative dei militari italiani caduti nelle isole dell'Egeo, per continuare in piazzale  San Francesco , al parco Ducale all'ex scuola di applicazione, dove ha sede oggi il Comando provinciale dell'Arma dei Carabinieri, in piazzale Marsala (per ricordare il sacrificio dei carristi) e concludere la giornata a Villa Braga a Mariano, dove fu decretato l'inizio della Resistenza nel parmense. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Al Family Food Fight trionfa Parma con i Dall'Argine

Attualità

Covid: a Parma oltre 124 mila vaccinazioni

Attualità

Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Precipita con il paracadute: muore un 60enne parmigiano

  • Cronaca

    Coronavirus, aumentano i positivi: sono 130

  • Cronaca

    Ristoranti: ecco tutte le regole per la riapertura

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il Museo d’Arte Cinese di Parma protagonista alla Sapienza di Roma

  • Cronaca

    Prosciutto di Parma, 2020 anno nero: calano vendite ed export

  • social

    Al Family Food Fight trionfa Parma con i Dall'Argine

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento