Consigliere di Polesine-Zibello arrestato per stalking: Lino Spotti si è dimesso

Le accuse nei suoi confronti da parte dell'ex compagna sono pesanti: lesioni e atti persecutori

Avrebbe assunto atteggiamenti persecutori, messaggi e telefonate a ripetizione dai toni minacciosi ed ingiuriosi, nei confronti delll'ex compagna e l'avrebbe anche aggredita fisicamente. Sono queste le pesanti accuse nei confronti del consigliere comunale di maggioranza dei Polesine-Zibello Lino Spotti che, dopo l'arresto, ha presentato le proprie dimissioni. Dopo le dichiarazioni della donna ed in seguito agli accertamenti dei carabinieri di Polesine Zibello il 59enne è stato raggiunto da un'ordinanza di custodia cautelare emessa dalla Procura di Parma: attualmente si trova agli arresti domiciliari nella sua casa di Polesine. Secondo la ricostruzione degli inquirenti l'uomo si sarebbe reso protagonista di diversi episodi, tra i quali l'invio di messaggi minacciosi, telefonate ripetute, pedinamenti sotto casa dell'ex compagna e anche episodi di violenza fisica. Il sindaco Andrea Censi ha chiarito che aspetterà per confermare o meno le dimissioni: "Per rispetto della persona e anche del lavoro della Magistratura abbiamo scelto di aspettare: abbiamo ritenuto più prudente capire quali sono i contorni della vicenda per poi poter decidere". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: a Parma 21 nuovi casi e 2 morti

  • Tragedia a Pilastrello, auto esce di strada: muore il conducente 51enne

  • Morte del piccolo Jacopo, oggi l'autopsia: due persone indagate per omicidio colposo

  • Dal 3 giugno via libera agli spostamenti da Parma nelle altre regioni

  • Fase 2: ecco cosa si potrà fare (e cosa no) dal 3 giugno

  • Bonus affitto per famiglie e persone in difficoltà a causa dell'emergenza Covid: contributo fino a 1.500 euro

Torna su
ParmaToday è in caricamento