menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inquinamento, giovedì e domenica scattano le limitazioni al traffico

Il Comune di Parma ha adottato l’ordinanza di limitazione della circolazione, provvedimento che entra in vigore simultaneamente in tutte le città della regione. Scattano le limitazioni al traffico giovedì 2 ottobre e domenica 5 ottobre

Sulla base di quanto previsto dall’Accordo di Programma regionale per la gestione della qualità dell’aria e per il progressivo allineamento ai valori fissati dalla Unione Europea, sottoscritto da tutti i sindaci dei Comuni emiliani con più di 50.000 abitanti e dalla Regione stessa, il Comune di Parma ha adottato l’ordinanza di limitazione della circolazione, provvedimento che entra in vigore simultaneamente in tutte le città della regione. La riduzione degli inquinanti nell’aria rappresenta una priorità per l’Amministrazione che si sta muovendo su più fronti attraverso la sottoscrizione a livello europeo del Patto dei Sindaci e l’approvazione del Paes – Piano d’azione per l’energia sostenibile che prevede per il 2020 la riduzione del 20% della Co2, l’incremento del 20 % dell’uso di energie rinnovabili e la promozione in aumento del 20 % del risparmio energetico. Le prime rilevazioni stagionali della Regione, peraltro, indicano Parma come “maglia nera” degli sformanti di PM 10: ne sono già stati registrati 5 nelle ultime due settimane.

Le limitazioni al traffico del giovedì. Si parte da giovedì prossimo 2 ottobre 2014 fino al 30 novembre 2014, quindi si riprende dal 7 gennaio 2015 al 31 marzo 2015, con divieto di transito dalle 8.30 alle 18.30, entro i viali di circonvallazione, che resteranno liberamente transitabili (area compresa fra ponte Italia, Barriera Repubblica, ponte delle Nazioni e Barriera Santa Croce). Sarà consentito di usufruire dei parcheggi Toschi e Goito, percorrendo rispettivamente Via IV Novembre, Viale Toschi e Viale Berenini, e dall’altro lato Via Camillo Rondani e Borgo Salnitrara. 

Limitazioni al traffico della domenica. Si parte domenica 5 ottobre 2014 e si prosegue: domenica 9 novembre 2014, domenica 18 gennaio 2015, domenica 1 febbraio 2015 e domenica 1 marzo 2015. Il provvedimento viene applicato all’interno dell’anello dalle tangenziali. Le strade percorribili, all’interno delle tangenziali, permetteranno di raggiungere i parcheggi scambiatori: in particolare via Venezia (dalla tangenziale a via Paradigna, percorribile in uscita), via Europa, via Reggio e strada dei Mercati, poi il triangolo compreso fra via Volturno (parte terminale), via Pellico e via La Spezia, e infine via Traversetolo, per raggiungere il parcheggio.

Veicoli che possono circolare in deroga alle limitazioni sia il giovedì che le domeniche: Autoveicoli ad alimentazione elettrica o ibrida; autoveicoli ad alimentazione a gas metano o GPL; autoveicoli condotti da persone con più di 70 anni; autoveicoli con almeno tre persone a (car pooling); auto condivisa (car sharing); autoveicoli alimentati a benzina o diesel omologati euro 5; ciclomotori e motoveicoli euro 2 ed euro 3; veicoli diesel di tipo M2, M3, N1, N2 o N3 omologati Euro 3, oltre a taxi e mezzi di emergenza, di sicurezza e di servizio. Possono inoltre accedere gli autoveicoli diretti agli alberghi, i veicoli di persone che svolgono attività di tipo sanitario, i mezzi che trasportano prodotti deperibili, i mezzi di pronto intervento ed emergenza, i mezzi con a bordo portatori di handicap, veicoli per il trasporto dei bambini per gli asili nido, le scuole materne, le scuole elementari, mezz'ora prima e mezz'ora dopo l'orario di ingresso e di uscita, e tutti gli altri veicoli espressamente indicati nell’ordinanza pubblicata integralmente sul sito del Comune. 

Auto maggiormente inquinanti. Dal 1 ottobre scatta il divieto di circolazione fino al 31 marzo, dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 18.30, per tutti i veicoli a benzina pre - Euro, ossia non rispondenti alla direttiva 91/441/CE e successive; per tutti i ciclomotori ed i motocicli a due tempi pre - Euro; per tutti i veicoli diesel, di tipo M1, pre - Euro ed Euro 1 anche se provvisti di bollino blu; per tutti i veicoli diesel di tipo M1, Euro 2, ovvero non dotati di FAP (Filtro antiparticolato), anche se provvisti di bollino blu; per tutti i veicoli diesel di tipo M2, M3, N1, N2 o N3 precedenti all’Euro 3, ovvero non dotati di FAP (Filtro antiparticolato). Il divieto comprende l’area interna alle tangenziali, escluse le seguenti strade, che rimangono percorribili: Via Emilio Lepido: dalla rotatoria ex-Salamini ad ingresso tangenziale nord; Via Emilia Ovest: dalla viabilità ovest al parcheggio scambiatore ovest; Via La Spezia: dalla tangenziale Sud al parcheggio Cavagnari; Strada Traversetolo: dalla tangenziale Sud al parcheggio scambiatore Traversetolo.

Sanzioni. In caso d’inosservanza delle disposizioni dei provvedimenti è prevista la sanzione amministrativa di 163 euro, con la possibilità di beneficiare di una riduzione della multa pari al 30%. pagando la multa entro 5 giorni dalla contestazione o dalla notificazione del verbale della violazione al codice della strada che prevede il pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Ritrovato il corpo di Andrea Diobelli

  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 157 casi 5 decessi

  • Sport

    Ennesima rimonta, il Parma non sa più vincere: con lo Spezia finisce 2-2

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento