Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca Lubiana / Via XXIV Maggio

Polo Sanitario, Sel: "Lo stop alla cementificazione? Un inganno"

E' la coordinatrice provinciale di Sel Federica Morgana Barbacini a riportare l'argomento d'attualità attaccando il Movimento 5 Stelle: "Silenzio assordante, caro sindaco alle eredità si può anche rinunciare"

Polo Socio-Sanitario al Lubiana. Ancora critiche per il progetto che sorgerà in via XXIV Maggio e che è stato confermato dall'amministrazione Pizzarotti. E' la segretaria provinciale di Sel Federica Morgana Barbacini a riportare l'argomento d'attualità attaccando il Movimento 5 Stelle: "Silenzio assordante, caro sindaco alle eredità si può anche rinunciare. Lo stop alla cementificazione è stato solo un inganno per attrarre voti". 

"Le immagini pubblicate da un quotidiano locale sull'ultimo raccolto dell'azienda agricola Bernardi, che lascerà i campi di mais al nuovo polo socio-sanitario di Via XXIV Maggio, ubicato in quel terreno da Vignali & Co ed avallato dalla nuova amministrazione a 5 stelle, farebbero anche sorridere se non fosse che presentano un vuoto pesante ed un silenzio assordante: quello dei paladini del “No alla cementificazione ed al consumo del suolo”, di coloro che hanno sbraitato in campagna elettorale perchè Parma necessitava di aree verdi ed attrezzate, che giravano i quartieri rassicurando i cittadini sul mantenimento e la creazione di zone a loro disposizione e misura".

"Insomma mancano i seguaci dell'attuale amministrazione che finito il periodo elettorale, sono tornati probabilmente ad altri interessi. Ci risparmi Pizzarotti, il solito refrain: “è una situazione che abbiamo ereditato”, perchè ormai il disco si è rotto. Caro sindaco, alle eredità si può anche rinunciare, lo dice anche la Legge. Quello che state mettendo in atto ha un solo nome: “continuità”, concetto pericolosissimo in amministrazione, soprattutto quando chi vi ha preceduto ha visto parte della giunta finire in prigione con accuse come corruzione, concussione e clientelismo. E non ci stancheremo mai di denunciare che il vostro operato è frutto della totale mancanza di un progetto di città e della capacità di affrontare le situazioni che si incontrano durante il cammino.In sostanza: dopo il No all'inceneritore, tradito dai fatti, anche lo Stop alla cementificazione si rivela essere stato solo un banale slogan per attrarre voti ed ingannare l'elettorato".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polo Sanitario, Sel: "Lo stop alla cementificazione? Un inganno"

ParmaToday è in caricamento