Cronaca

Lupi cecoslovacchi uccisi, indagini ad una svolta: si stringe il cerchio

I carabinieri di Fontanellato stanno lavorando per identificare chi ha sparato: il luogo del ritrovamento di Moon e Shadow non è quello in cui sono stati uccisi

Si stringe il cerchio intorno alla persona che ha premuto il grilletto almeno due volte per uccidere Moon e Shadow, i due cani, due lupi cecoslovacchi, di Alessandro Piccinini che li ha trovati di fianco al fiume Recchio, nel comune di Noceto dopo alcune ore dalla scomparsa, alle 8 di mattina del 12 febbraio. Dall'ora di pranzo del giorno precedente i due cani, che si trovavano nella casa di famiglia a 400 metri in linea d'aria dal luogo del ritrovamento, non si trovavano.

I loro corpi sono stati trovati lì ma quasi sicuramente gli animali sono stati spostati dal luogo in cui sono stati effettivamente uccisi. Sul posto infatti c'erano tracce di pneumatici ed alcune impronte: qualcuno potrebbe aver trasportato i corpi prima con un'auto o un mezzo fuoristrada e poi averli trascinati a mano per un tratto. I carabinieri di Fontanellato sarebbero vicini all'individuazione del responsabile del feroce gesto: nelle prossime ore potrebbero dare un nome a chi ha premuto il grilletto. Nel frattempo si aspetta anche il risultato dell'autopsia sui due animali, che dovrebbe arrivare nella giornata di oggi, 14 febbraio. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lupi cecoslovacchi uccisi, indagini ad una svolta: si stringe il cerchio

ParmaToday è in caricamento