rotate-mobile
Cronaca

Maestra condannata a Fornovo, Rainieri e Occhi (Lega): "La Regione attenzioni i messaggi negativi per la scuola"

"Vogliamo sapere se l’amministrazione regionale concorda che l’eccessivo giustificazionismo rispetto agli atti maleducati e riprovevoli degli studenti nelle scuole sia una delle cause di fenomeni come il bullismo o le violenze commessi dalle baby gang"

“Il messaggio negativo di impunità degli alunni e di ridimensionamento dell’autorevolezza degli insegnanti che scaturisce da questa vicenda deve essere attentamente valutato anche dalla Regione Emilia-Romagna”. È quanto hanno dichiarato i consiglieri regionali del Gruppo Lega Emilia-Romagna, il Vicepresidente dell’Assemblea legislativa Fabio Rainieri e Emiliano Occhi, nell’illustrare l’interrogazione che hanno presentato sulla vicenda giudiziaria conclusasi con la condanna in primo grado della maestra supplente dell’istituto comprensivo di Fornovo Taro accusata di avere abusato di mezzi di correzione nei confronti degli alunni a seguito dell’imbrattamento con feci delle mura del bagno della scuola.

“Alla Giunta regionale non chiediamo di accertare quello che è avvenuto e le eventuali responsabilità penali. Quello è compito specifico della magistratura e si deve attendere anche che il giudizio diventi definitivo – hanno proseguito i due esponenti del Carroccio – Quello che invece vogliamo sapere è se l’amministrazione regionale concorda che l’eccessivo giustificazionismo rispetto agli atti maleducati e riprovevoli degli studenti nelle scuole sia una delle cause di fenomeni come il bullismo o i furti e le violenze commessi dalle baby gang. Gli chiediamo, infatti, se ritiene che sia corretto, quando avvengono fatti come quello di Fornovo, che le competenti istituzioni scolastiche, la direzione dell’istituto scolastico e gli uffici scolastico territoriale e regionale avviino le procedure per rilevare la “culpa in educando” da parte dei genitori o dei tutori. Infine chiediamo di sapere se e con quali iniziative la stessa Giunta ritiene di intervenire per sostenere che nelle forme consentite dalle leggi siano garantiti nelle scuole dell’Emilia-Romagna adeguati livelli di educazione da parte degli studenti e puniti i responsabili di atti riprovevoli”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maestra condannata a Fornovo, Rainieri e Occhi (Lega): "La Regione attenzioni i messaggi negativi per la scuola"

ParmaToday è in caricamento