menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maltrattamenti a Colorno, il Comandante Filippo Collana: "Le maestre avevano creato uno stato di timore e soggezione nei piccoli"

Il Comandante della stazione dei carabinieri di Colorno: "Ecco com'è iniziata l'inchiesta che ha portato all'arresto delle due maestre"

Maltrattamenti nella scuola dell'infanzia di Colorno. Due maestre sono state arrestate con l'accusa di maltrattamenti: ora si trovano ai domiciliari in attesa degli interrogatori di garanzia. Le indagini sono state svolte dai carabinier di Fidenza e di Colorno. 

"L'inchiesta -sottolinea Filippo Collana, Comandante della stazione dei carabinieri di Colorno- è nata nell'ultima decade di marzo quando la mamma di una bambina si è presentata in Caserma denunciando un comportamento anomalo della figlia. A seguito della segnalazione i carabinieri di Colorno hanno avvertito la Procura della Repubblica di Parma: il fascicolo è stato affidato alla dottoressa Nunno. Si è arrivati poi all'attività tecnica, ovvero intercettazioni audio e video, che hanno permesso di riscontrare l'ipotesi iniziale, ovvero i maltrattamenti ai danni dei bambini". 

"La mamma -prosegue il Comandante- aveva notato il cambio di comportamento della piccola, che aveva assunto un comportamento aggressivo e non voelva permanere  a scuola dell'infanzia durante il pomeriggio. Abbiamo accertato uno stato di timore e soggezione che le due insegnanti di questa sezione tenevano nei confronti dei bambini, tutti in tenera età, tra i 3 e i 5 anni. Parliamo di strattonamenti, spintoni, in un  caso sono arrivate a sbattere il braccio, oltre a ingiurie e urla veementi". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: più di 200 casi ma nessun decesso

  • Cronaca

    Vaccini anti-Covid, a Parma superata quota 50.000

  • Cronaca

    Confartigianato: "A disposizione le nostre sedi per le vaccinazioni"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento