menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Magliette con un mitra in diretta da Parma a 'Dalla vostra parte' su Rete 4

La trasmissione condotta da Paolo del Debbio si è collegata con il negozio Spazio Verde di Pontetaro, oggetto di quattro rapine in tre anni, commercianti con la maglia 'Defend Parma' e un mitra al centro. Luigi Alfieri dopo la trasmissione prende le distanze: "Con gente che ha il mito del Kalashnikov non mi mescolo. Non è il mio ambiente"

Un collegamento da Parma, le magliette con la scritta 'Defend Parma' e un'arma al centro. Per chi la sera del 24 febbraio ha assistito alla trasmissione 'Dalla vostra parte' condotta da Paolo del Debbio su Rete 4 non ha potuto fare a meno di notare quel particolare, contestato ai cittadini di Parma che si sono ritrovati per la diretta televisiva, anche dalla giornalista Luisella Costamagna. La trasmissione di Rete 4 si è occupata dei problemi di sicurezza nelle città di Parma e di Venezia, facendo riferimento in primo luogo ai titoli dei quotidiani locali. 

In collegamento dal negozio 'Spazio Verde' di Roberto Zanella di Pontetaro che ha raccontato: 'E' molto probabile che mi tocchi chiudere l'attività, dopo il quarto furto. Trovo la forza dai miei amici ma sono sgomento ma quattro in tre anni è troppo. Non è più una situazione vivibile: più di una volta ho passato la notte qui, nella brandina. Sto pensando di aprire un'altra attività ma non è facile a 58anni ripartire. Non lo so, chiederò ai politici. L'ultimo furto l'ho subito tra la sera del 10 e 11 e il 15 avevo delle scadenze di Equitalia e le ho pagate". In collegamento, tra gli altri, anche Pierpaolo Mora, responsabile di Casa Pound. Sono andate in onda interviste con Luigi Alfieri, ex giornalista della Gazzetta di Parma che ha sventato, qualche settimana fa, un furto all'interno della sua abitazione, ideatore della pagina 'Parma non ha paura', con il pizzaiolo che ha fermato il ladro che aveva appena rapinato una tabaccheria. 

LUIGI ALFIERI: 'CON GENTE CHE HA IL MITO DEL KALASHNIKOV NON MI MESCOLO' - Luigi Alfieri su Facebook dopo la trasmissione: "Riflessioni sulla trasmissione di Rete 4 Dalla vostra parte: in parte(mi ripeto) è stata un'esperienza positiva, in parte, negativa. Positiva perché ha portato il caso Parma all'attenzione generale. Positiva perché, in coincidenza con la venuta a Parma della troupe, sono comparse in città pattuglie di ogni tipo, crabinieri, polizia vigili e guardia di finanza. Piazzale della Pace sembrava un paradiso. Il programma, però, era veramente deludente. Sono arrivato sul presunto set e c'erano una decina di persone con dei mitra disegnati sulle magliette nere. Una confusione infernale, un conduttore che sembrava smarrito e in balia degli eventi. Con gente che ha il mito del Kalashnikov non mi mescolo. Non è il mio ambiente. Quindi ho deciso, insieme ai miei amici di Parma non ha paura, di non scendere in un'arena del genere. L'intervista che mi hanno fatto nel pomeriggio è diventata un mozzicone di sigaretta. Il programma come scrive bene Fabio Carreras è diventato un referendum sull'uso delle armi. Alla fine non mi pento di avere collaborato con Rete 4, con cui sono stato in contatto fin da giovedì 17, perché bisogna tenere viva l'attenzione sul problema sicurezza, ma i dubbi di molti sulla qualità del programma, alla prova dei fatti, erano fondati. Le cose serie ce le diremo tra di noi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid: a Parma oltre 124 mila vaccinazioni

Attualità

Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 88 nuovi contagi e 4 decessi

  • Cronaca

    I parmigiani e il vaccino: aumentano gli scettici

  • Attualità

    Covid: a Parma oltre 124 mila vaccinazioni

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento