menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Taro il 29 febbraio alle ore 7.30 - foto della lettrice Tiziana

Il Taro il 29 febbraio alle ore 7.30 - foto della lettrice Tiziana

Maltempo, piogge torrenziali, fase di allarme per Parma e Piacenza

Piove da domenica 28 febbraio su Parma e provincia: allagamenti, disagi alla circolazione anche per il forte vento. Chiuso il ponte sull'Enza a Sorbolo: dalle ore 8 del 29 febbraio fase di allarme per Parma e Piacenza

Piogge torrenziali in tutta la provincia di Parma dalla giornata di domenica 28 febbraio. L'allerta della Protezione Civile è scattata per tutte le città dell'Emilia-Romagna che effettivamente in queste ore sono colpire da pioggia intensa che sta provocando disagi alla circolazione, anche a cause del forte vento che è soffiato in autostrada A1 anche nel tratto tra Milano e Bologna dove ieri si sono verificare code. Fase d’allarme per i fiumi Panaro e Secchia e nel Modenese, per il fiume Taro e i torrenti Enza, Parma, Stirone, Rovacchia, nel Parmense per il Riglio e lo Stirone nel Piacentino. A Modena sono stati chiusi il ponte Alto e ponte dell'Uccellino, il ponte di Navicello vecchio e il ponte su via Curtatona. Chiuse oggi le scuole a Bomporto, Bastiglia e a Sozzigalli di Soliera. Fossi pieni d'acqua nella zona di Malandriani, allagamenti a Parma e in provincia. 

CHIUSO IL PONTE SULL'ENZA A SORBOLO - Dalle ore 6 della mattina del 29 febbraio chiuso il ponte sull'Enza a Sorbolo. La chiusura è confermata anche alle ore 11 e secondo le previsioni potrebbe andare avanti per ore. A causa del forte vento intanto in località Enzano/Corte Godi i pali della telefonia sono crollati in strada. 

LE PREVISIONI di Emilia-Romagna Meteo - Dopo un finale di settimana "burrascoso" sulla nostra regione, con piogge abbondanti dal pomeriggio alla tarda nottata di domenica, anche la nuova settimana si aprirà con cieli grigi e precipitazioni sparse. Al mattino le precipitazioni si concentreranno sui settori occidentali, a metà gironata sui settori centrali. Quota neve in calo, mediamente compresa tra 1000 e 1200 metri. Attenzione alla portata dei fiumi, in aumento al mattino con piene da monitorare, specialmente su Emilia centrale dopo le piogge abbondanti del weekend. Temperature minime comprese tra +7°C e +10°C, massime tra +9°C e +12°C. Venti moderati, mare molto mosso. Previsioni meteo a Parma e provincia. Il mese di febbraio si concluderà con una giornata grigia a Parma e provincia. Piogge intermittenti caratterizzeranno la giornata con quota neve in calo a 1100/1300 metri. Temperature stazionarie con venti moderati

PROTEZIONE CIVILE - L'Agenzia regionale di protezione civile ha diramato, con l'allerta n. 37, lo stato di attenzione e preallarme dalle 12 di sabato 27 febbraio alle 24 di lunedì 29, sulla base dei dati previsionali del Centro Funzionale Arpa Emilia-Romagna. 

Più nel dettaglio la fase di preallarme è stata attivata per criticità idraulica (piogge e temporali) nei territori delle province di Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna e Ferrara. I bacini interessati sono quelli del Trebbia e del Taro; del Secchia e del Panaro; le pianure di Piacenza e Parma, di Bologna e Ferrara, di Ravenna, di Modena e Reggio Emilia, il bacino del Reno. Preallarme anche per criticità idrogeologica (frane e dissesti) nelle province di Parma e Piacenza, Reggio Emilia, Bologna e Ravenna. In gran parte della regione viene attivata anche la fase di attenzione per vento, mentre per effetto dell’aumento del moto ondoso e dello stato del mare da mosso ad agitato sono allertate le province costiere.

Le previsioni del Centro funzionale Arpa indicano un deciso peggioramento dalla serata di sabato 27, con piogge diffuse in particolare sul settore emiliano occidentale e possibili nevicate sui rilievi dell´Emilia fino a 500-600 metri. Una nuova intensificazione dei fenomeni si avrà dal pomeriggio-sera di domenica 28 e fino alla prima mattina di lunedì 29 con precipitazioni intense, in particolare sul settore centro –occidentale. A causa delle forti raffiche di vento, si prevede un aumento del moto ondoso con mare da molto mosso ad agitato nel pomeriggio-sera di domenica 28, che potrà determinare mareggiate e probabili fenomeni di ingressione marine, in particolare sui litorali ravennati e ferraresi.  Per effetto del maltempo sono possibili innalzamenti del livello dei corsi, d'acqua, allagamenti localizzati e danni per effetto del vento.

Per i cittadini: nelle zone costiere, rispetto al rischio mareggiate, si raccomanda di non sostare vicino alla spiaggia e sui moli e di rispettare le indicazioni delle Capitanerie di porto prima di intraprendere ogni attività in mare. In caso di forti raffiche di vento fissare bene oggetti e strutture (teloni a copertura dei trasporti, gazebo…) in aree aperte esposte agli effetti del fenomeno.
In caso di piena si raccomanda di non avvicinarsi agli argini dei corsi d’acqua ed ai ponti; di fare attenzione nel percorrere strade montane e in prossimità di fiumi e torrenti, soprattutto di notte, per il rischio di frane e smottamenti.

L’Agenzia regionale di protezione civile, in stretto raccordo con Arpa, le strutture tecniche, le amministrazioni locali, seguirà l'evoluzione del fenomeno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Lunedì Parma e l'Emilia Romagna in zona gialla"

Attualità

Festa di Liberazione: ecco il programma del 25 aprile a Parma

Ultime di Oggi
  • Attualità

    "Lunedì Parma e l'Emilia Romagna in zona gialla"

  • Cronaca

    Covid: novanta nuovi casi e un decesso

  • Attualità

    Vaccino: entro fine mese in arrivo 354mila dosi

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento