menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Mio figlio è epilettico", Elisa scrive a Pizzarotti: "Si metta una mano sul cuore"

Lettera della mamma di un ragazzo epilettico al sindaco Federico Pizzarotti: 'Mio figlio è epilettico, si metta una mano sul cuore e di aiutare i suoi ragazzi e di indire il bando biennale, la continuità è importantissima, altrimenti le poterò mio figlio"

Lettera della mamma di un ragazzo epilettico al sindaco Federico Pizzarotti: 'Mio figlio è epilettico, si metta una mano sul cuore e di aiutare i suoi ragazzi e di indire il bando biennale, la continuità è importantissima, altrimenti le poterò mio figlio e lei risponderà alla domanda: Come faccio a fare come gli altri?"

LA LETTERA DI ELISA- Mi chiamo Elisa e sono la mamma di due meravigliosi ragazzi. Da novembre 2014 purtroppo sono tornata una mamma disperata. Mio figlio ormai diciassettenne, è un epilettico con adhd (deficit dell'attenzione, lo specifico nel caso non conoscesse la sindrome). La vita con un ragazzo con questo disturbo non è per niente semplice; la gestione familiare è tutta basata sui suoi sbalzi di umore che mi creda il più delle volte sono devastanti e violenti e che si ripercuotono sulla serenità di tutti, specialmente della sorella più piccola che non ha un fratello ma una bomba ad orologeria. Dopo anni di sofferenza tra esami, terapie e autostima sotto la suola delle scarpe, iniziavamo a vedere una luce in fondo al tunnel. Nella scuola superiore che frequenta è seguito sia dall'insegnante di sostegno che dall'educatrice. Non è semplice guadagnarsi la fiducia di mio figlio, ma loro due sono state bravissime e con la loro competenza ci sono riuscite. Questo vuol dire che lui riesce a seguire le lezioni con i suoi compagni, a fare più o meno quello che fanno loro, a stringere amicizie e quando torna a casa non è più una bomba distruttiva ma un ragazzo sereno e felice. A novembre è tornato un giorno da scuola in lacrime dicendo: mi tolgono l'educatrice....e io come faccio a fare come gli altri? Ecco la luce in fondo al tunnel è sparita ed è ricominciato l'incubo dell'incertezza. Sono state dette tante cose, ma abbiamo bisogno di certezze, il bando per gli educatori. Mi chiedo come sia possibile che delle persone adulte possano solo pensare di risparmiare sulla pelle dei più deboli; anche se lei non ha figli dovrebbe capire cosa significhi per un genitore vivere una situazione così, già è una lotta ogni giorno per questi ragazzi in più ci sta facendo vivere nell'incertezza e nella paura del domani. Le chiedo di mettersi una mano sul cuore e di aiutare i suoi ragazzi ,visto che è anche il loro sindaco, e di indire il bando biennale, la continuità è importantissima; altrimenti le porterò mio figlio e lei risponderà alla sua domanda: come faccio a fare come gli altri?

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Ritrovato il corpo di Andrea Diobelli

  • Cronaca

    Montagna stregata: altra vittima sul Marmagna

  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 157 casi 5 decessi

  • Cronaca

    Bonaccini: "Se i contagi aumentano, pronti a chiudere le scuole"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento