menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Degrado, oggi la marcia. Greci: "Non possono contestare il diritto alla sicurezza"

Stasera alle 20.30 la marcia antidegrado. Si temono contestazoni. Il presidente dei Nuovi Consumatori non ci sta: "Cercano solo di farsi pubblicità alle nostre spalle

Filippo Greci, presidente del Movimento Nuovi Consumatori, movimento che organizza la marcia contro il degrado di stasera sera risponde alle critiche. Il gruppo anarchico Antonio Cieri ha diffuso una nota stampa dove esprime la sua contrarietà all'iniziativa, concentrando l'attenzione sulle condizioni abitative e l'affitto in nero di cantine, utilizzate come abitazioni, nel quartiere Oltretorrente.

Ma Greci non ci sta e sbotta. "Cercano solo di farsi pubblicità alle nostre spalle, questo è veramente squallido. Farsi pubblicità contestando una manifestazione di cui ignorano i contenuti. La prima proposta che faremo al Comune è proprio di colpire che affitta in nero ad immigrati che hanno avuto un provvedimento di espulsione. Non siamo noi razzisti ma loro, con noi ci sono anche associazioni di immigrati, stanche dei reati commessi dai loro connazionali.

I toni di Filippo Greci contro il comunicato stampa del gruppo Cieri sono duri. "Sono ignoranti e maleducati, spero che se verranno in piazza come l'anno scorso rispettino le nostre idee. Se dovessero contestare ci potrebbero essere problemi di ordine pubblico: non sono autorizzati a manifestare. Già l'anno scorso si sono presi le denunce. Non sanno cosa vuol dire essere vittime di un reato, non hanno diritto di contestare il nostro diritto alla sicurezza".

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Ponte della Navetta, Alinovi al Ministero: “Aprirlo entro Pasqua”

  • Attualità

    Aree verdi: 250 mila euro per i nuovi giochi bimbi

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento