Maxi frode fiscale nel settore dell'impiantistica, arrestati tre imprenditori: sequestrati 10 milioni di euro

Tre persone ai domiciliari con l'accusa di associazione a delinquere finalizzata alla frode fiscale e alle false fatturazioni 

Tre imprenditori parmigiani sono finiti in manette con le gravi accuse di associazione a delinquere finalizzata alla frode fiscale e alle false fatturazioni. L'ordinanza di custodia cautelare è stata eseguita, a partire dalle prime ore della mattinata di lunedì 16 settembre dai finanzieri del Nucleo di Polizia economico-tributaria della Guardia di Finanza di Parma. Gli imprenditori arrestati operano nel settore metalmeccanico e dell’impiantistica industriale.

Sono in corso sequestri, per un valore di 10 milioni di euro, su conti correnti, depositi e immobili riconducibili agli indagati. Le indagini, dirette e coordinate dalla Procura della Repubblica di Parma, hanno consentito individuare un articolato meccanismo di frode fiscale attraverso il quale, secondo l'accusa, il presunto gruppo criminale riusciva a fornire, a grandi aziende operanti in territorio emiliano, servizi e manodopera a prezzi concorrenziali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Aggiornamenti a breve 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Parma fuori dall'incubo: nessun decesso e nessun nuovo caso

  • I carabinieri sequestrano tre piantine di 'marijuana': denunciato un 25enne

  • Pizzarotti annuncia: "Giochi per bambini vietati, nei circoli anziani non si può giocare a carte"

  • Coronavirus, tre decessi a Parma e 18 casi in più

Torna su
ParmaToday è in caricamento