Salute: gli inceneritori fanno male? I medici emiliani dicono di sì

La Federazione Regionale dei Medici ha espresso la necessità di non sottovalutare gli effetti dei forni nel breve periodo come l'aumento dei parti pre-termine e dei linfomi non Hodgkin rilevati da Moniter

Medico visita neonato

La Federazione regionale degli Ordini dei Medici e dei Chirurghi si è riunita il 14 dicembre per valutare i risultati del progetto Moniter, lo studio iniziato nel 2007 che aveva come scopo il monitoraggio degli effetti delle emissioni degli inceneritori presenti in Emilia Romagna.
Dato atto sulla bontà metodologica di Moniter, i medici, pur concordando con il Comitato Tecnico Scientifico che i dati sugli effetti a lungo termine sono complessivamente rassicuranti (mettendo però in evidenza il dato anomalo di Modena, casi di linfomi non Hodgkin), esprime la necessità di non sottovalutare i segnali emersi sul fronte degli effetti a breve termine.

Moniter infatti ha correlato l'esposizione alle emissioni degli inceneritori emiliano romagnoli con l'aumento dei parti pre termine e dei neonati piccoli per età gestazionale, che possono avere un effetto, nel corso della vita, sulla loro salute.
Frer Emilia Romagna ribadisce anche la necessità di porsi nei confronti di questi impianti in atteggiamento precauzionale, sollecitando alcune raccomandazioni ai decisori politici.
Viene infatti sostenuta la necessità di adottare politiche di gestione dei rifiuti che non creino ulteriore domande di incenerimento ed anche un approccio di precauzione a proposito della creazione di nuovi impianti.

I medici ER in sostanza convergono sulle conclusioni che l'effetto degli inceneritori non sia nullo e che quindi vada intrapresa ogni azione per il superamento di questa tipologia di gestione degli scarti.
Nel 2007 la Frer chiese una moratoria sulla costruzione di nuovi inceneritori e i risultati dello studio confermano che la preoccupazione era ben fondata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La promozione della cultura di preservazione dell'ambiente ai fini della protezione della salute delle popolazioni attuali e future - si legge in una nota del Comitato Gestione Corretta Rifiuti - sono le prerogative istituzionali e deontologiche che devono guidare l'azione dei medici, chiamati in prima istanza a difendere la salute dei cittadini.

Il comunicato stampa di Frer puntualizza la preoccupazione che negli ambienti scientifici si fa facendo sempre più convinta e palese sugli effetti sulla salute degli impianti di incenerimento.
Le migliaia di sostanze che vengono emesse dai camini vanno a incrementare gli inquinanti già presenti nella nostra aria, causando un innalzamento delle malattie legate al fattore ambientale.

E' di questi giorni la persistenza degli sforamenti costanti dei limiti di Pm10 fissati per legge.
Parma è una delle maglie nere in regione per la qualità della sua aria.
Che senso potrebbe avere andare ad incrementare la pressione inquinante con un nuovo enorme inceneritore di rifiuti?".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Covid: verso un nuovo Dpcm per il lockdown?

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Da Piazza della Pace a Piazza Garibaldi: anche Parma protesta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento