Sorvegliato speciale in manette: a Mezzani per la 'spedizione punitiva' picchia una donna

Ha schiaffeggiato una donna e poi ha danneggiato il furgone del marito perchè, a suo dire, non avrebbero onorato un credito vantato nei loro confronti. Protagonista della vicenda, sabato un 33enne casertano,

Ha schiaffeggiato una donna e poi ha danneggiato il furgone del marito perchè, a suo dire, non avrebbero onorato un credito vantato nei loro confronti. Protagonista della vicenda, sabato un 33enne casertano, sorvegliato speciale con obbligo si soggiorno a Brescello, nel Reggiano. La donna colpita è stata costretta a ricorrere alle cure mediche in ospedale; il furgone è finito dal carrozziere mentre il 33enne è stato arrestato dai Carabinieri con l'accusa di lesioni personali, danneggiamento aggravato e violazione della misura di prevenzione della sorveglianza speciale. Per regolarizzare il presunto credito vantato, infatti, l'uomo si è recato a Mezzani in provincia di Parma incontrandosi con una 35enne abitante a Boretto: per essere convincente non ha esitato a picchiarla poi ha aggredito il marito - recatosi, a propria volta, nell'abitazione del sorvegliato speciale per chiarire la vicenda - e, armato di una spranga, ha attaccato il furgone. I colpi al mezzo sono continuati anche mentre il proprietario si trovava negli uffici della caserma dei Carabinieri per sporgere denuncia: intervenuti sul posto, i militari hanno arrestato il 33enne che dovrà comparire, oggi, davanti al Tribunale di Reggio Emilia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina una donna in piazzale Pablo: 19enne gambiano lo insegue e lo fa arrestare

  • Coltellate sul Frecciarossa, sotto choc il parmigiano che ha difeso la donna: " Usata una cinta per fermare l'emorragia"

  • C'è un'altra Parma sotto terra

  • "L'ho sentita urlare e sono intervenuto. Così ho fermato lo scippatore"

  • Truffa del Postamat, la maxi indagine riguarda anche Parma

  • Chiamavano i clienti per offrirgli la droga: arrestati tre pusher

Torna su
ParmaToday è in caricamento