rotate-mobile
Cronaca

Minaccia la compagna dopo l'udienza per maltrattamenti: scattano i domiciliari

Nei guai un 36enne del Parmense. Per lui arresti domiciliari con applicazione del braccialetto elettronico per maltrattamenti nei confronti della compagna, della figlia minore e dei genitori della compagna

Nella mattinata del 23 aprile il personale dlla Squadra Mobile, nell’ambito di un procedimento penale per maltrattamenti in famiglia, ha dato esecuzione ad unoOrdinanza emessa dal Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Parma, con la quale è stata disposta l’applicazione della misura coercitiva degli arresti domiciliari con applicazione di braccialetto elettronico nei confronti di un uomo di 36 anni residente in provincia di Parma, autore di gravi condotte di maltrattamento poste in essere nei confronti della compagna, della figlia minore e dei genitori della compagna. L’uomo, già destinatario della misura del divieto di avvicinamento con applicazione del braccialetto elettronico, il 17 aprile, al termine dell’udienza preliminare del procedimento per maltrattamenti, usciva dall’aula e si nascondeva tra le macchine in sosta nei pressi del tribunale attendendo l’arrivo della compagna nei cui confronti rivolgeva frasi minacciose. A seguito di tali condotte l’A.G competente ha disposto l’esecuzione del provvedimento di aggravamento della misura cautelare precedentemente inflitta. L’indagato, individuato dagli operatori della seconda sezione della Squadra Mobile, è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minaccia la compagna dopo l'udienza per maltrattamenti: scattano i domiciliari

ParmaToday è in caricamento