rotate-mobile
Cronaca

Minaccia un giovane con problemi psichici per farsi consegnare i soldi dalla famiglia: 24enne in manette

Il giovane, finito ai domiciliari, aveva carpito la fiducia della vittima: minacciava di farle del male. La sua casa era piena di manganelli e di pugnali

Una storia di violenze e di sopraffazioni quotidiane, perpetrate da un giovane di 24 anni, finito agli arresti domiciliari, nei confronti di un altro giovane, disabile con problemi psichiatrici, che ha subito le angherie del primo, che si è presentato come un amico per poi trasformarsi nel suo sfruttatore. La vicenda si è svolta a Parma: dopo un periodo di amicizia, durante la quale il giovane si è comportato in modo autoritario, impendendo al ragazzo di avere altre amicizie e di frequentare la sua famiglia, il 24enne ha iniziato a farsi consegnare alcune ingenti somme di denaro dalla stessa famiglia grazie all'inganno: sosteneva infatti che i soldi sarebbero dovuti servire per il loro figlio, per pagare multe, per curare ferite di un incidente mai avvenuto e addirittura per comprare una barca. La vittima veniva costantemente tenuta in una situazione di assoggettamento, con minacce di violenza fisiche, realizzate anche con l'uso di una forbice. Il 24enne, identificato in B.A, aveva in casa diversi oggetti atti ad offendere come manganelli, pugnali e bossoli di armi da fuoco: la presenza di quegli oggetti era intimidatoria per il giovane, affetto da una patologia psichiatrica, che veniva intimorito continuamente dalle armi. Fortunatamente il ragazzo è riuscito a far emergere la verità e a dire tutto ai genitori: a quel punto sono scattate le indagini dell'Ufficio Minori della Divisione Anticrimine. L'Autorità Giudiziaria ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari per i reati di circonvenzione d'incapace, minaccia aggravata, truffa aggravata e detenzione illegale di armi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minaccia un giovane con problemi psichici per farsi consegnare i soldi dalla famiglia: 24enne in manette

ParmaToday è in caricamento