Mondi materici

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

L'associazione UCAI sezione di Parma presenta la Collettiva

MONDI MATERICI

INAUGURAZIONE SABATO 8 NOVEMBRE ALLE ORE 17.30

PRESSO GALLERIA S.ANDREA

via Cavestro 6, Parma

La collettiva in mostra fino al 20 novembre è una presentazione di nove elaborazioni della materia pittorica e scultorea che darà vita ad un percorso originale e stimolante tra diversi mondi.

Nei "quadri-raku" di Noemi Bolzi gli elementi primordiali si fondono in una maestosità di colori:

messaggi scritti, cuori, oro, rosso vermiglio si combinano per dar vita ad un impasto di emozioni, fra natura, figura, trame e materie.

Giorgio Gost nel suo ciclo "stop the time!" ci riporta alla memoria l'importanza di oggetti di culto degli ultimi decenni che egli salva, custodisce nella resina trasparente cercando appunto di fermare il tempo, prima che si degradino e vengano tolti dalla circolazione.

La ricerca del metafisico di Elisabetta Fontana, secondo il prof. G.Alù, ha successo attraverso mezzi pittorici non convenzionali quali terre, impasti cromatici pesanti e spesso inquietamente cupi, resi anche da stoffe ormai scultoree nel panneggio.

La giovane Elena Iori sperimenta sulla tela inedite composizioni realizzate con cristalli frantumati oppure conchiglie e madreperla, usando per lo sfondo ricche e spontanee gocciolature dai vivacissimi colori.

Anche nella serie di spirali materiche di Cinzia Morini il colore è uno dei protagonisti che supporta un inno alla simbologia archetipica di un cosmo in continuo movimento ed evoluzione, pronto a scomporsi e ricomporsi.

Le raffinate tele di Massimo Violi sono composizioni di materiali come cartone e sottili tessuti giocati su sfondi ora chiari dai toni ocra e dorati oppure scuri nei contrasti dei fondali neri con tocchi di rosso acceso, in grado di suggestionare ed evocare mondi lontani.

Margherita Caldanini realizza sculture in ceramica in cui unisce varie e complesse tecniche ceramiche con soggetti giocosi, ironici, divertenti ricchi di simbologie e narrazione.

I bassorilievi in terracotta e gesso di Riccardo Capra ricordano nella tecnica d'esecuzione e nei soggetti sacri la classicità d'altri tempi, la plasticità antica, la pazienza dell' artigiano-artista.

Maria Grazia Passini infine con le sue terracotte patinate plasma in totale libertà l'amore e la sofferenza di un cammino in ascesa attraverso la realizzazione di figure femminili misteriose o di mani tanto intrecciate e nodose da ricordare le rocce.

La mostra resterà aperta fino a giovedì 20 novembre con i seguenti orari:

da martedì a sabato 10-12 e 16-19

domenica 16-19

lunedì chiusura

www.ucai-parma.it

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento