Montanara, Greci: "Perso il 60% del commercio"

Le aspettative diminuiscono incontro dopo incontro. Questa sera toccherà al Montanara ascoltare le risposte elaborate dal Comune alle criticità. Il presidente di Montanara Insieme: "Con via Montanara chiusa per un annoo il commercio ne ha risentito"

Le aspettative diminuiscono incontro dopo incontro. E' solo la speranza a muovere i cittadini verso l'appuntamento con la Giunta per il progetto "Il quartiere che vorrei". Questa sera toccherà ai residenti del Montanara ascoltare le risposte elaborate dal Comune riguardo alle criticità segnalate nel corso del primo confronto tenutosi nel mese di ottobre.

"Ci andrò - afferma Paolo Greci, presidente dell'associazione Montanara Insieme - ma non mi aspetto che ci vengano date risposte concrete. Sappiamo quali sono stati i risultati di questi incontri per gli altri quartieri, come sappiamo che viene spesso ribadita la mancanza di risorse e questo potrebbe avvenire anche per la richiesta, avanzata da diverse famiglie, che riguarda la manutenzione di alcuni asili". Eppure ci sono interventi necessari, primo fra tutti quello che riguarda la viabilità e di conseguenza il commercio che in questo caso è stato fortemente danneggiato dai lavori di riqualificazione.

"Via Montanara è stata chiusa per un anno - ha continuato Greci - e già questo ha provocato una forte perdita economica per i negozianti della zona. Il punto è che una volta riaperta al traffico con la carreggiata ristretta, le isole pedonali e l'assenza di una pista ciclabile gli automobilisti hanno serie difficoltà a percorrerla; per non parlare dell'assenza di parcheggi che non aiuta i cittadini a fermarsi qui". Secondo Greci più del 60% del commercio è andato perso e la sicurezza della via non è aumentata, al contrario si verificano diversi incidenti in cui sono coinvolti proprio i ciclisti. Il commercio è un problema anche per la zona Cinghio sud, dove manca un piano per la viabilità e la totale assenza di negozi determina un forte impoverimento.

"Credo che questa sera - ha concluso Greci - la Giunta verrà a spiegarci quello che vuole fare, dimenticando che nel progetto 'Il quartiere che vorrei' siamo noi residenti a tracciare le linee di un bel posto in cui vivere. Un posto in cui ci sono persone che hanno un'attività da 35 anni e che hanno preferito andare via quando, nel corso del primo incontro, ci è stato detto che dopo l'esposizione del progetto avremmo discusso con uno psicologo. A molti è sembrata una presa in giro e anche stasera non tutti saranno presenti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Welcome, Mister President: al via l’era Krause

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento