Morte del piccolo Jacopo, oggi l'autopsia: due persone indagate per omicidio colposo

La Procura della Repubblica di Parma aveva aperto un fascicolo

La morte del piccolo Jacopo Villa, di soli 4 anni, avvenuta nelle primeo ore della mattinata di domenica 24 maggio nel reparto di Terapia Intensiva dell'Ospedale Maggiore di Parma, ha sconvolto la piccola comunità di Tordenaso, oltre ovviamente ai genitori Simona e Lorenzo che, da subito, aveva chiesto l'effettuazione dell'autopsia sul corpicino di loro figlio. Dopo una ventina di giorni di tosse infatti il bimbo era stato trasportato da un'ambulanza in ospedale: dopo poche ore - con i vari tentativi di rianimarlo messi in atto dai medici - è deceduto. La Procura della Repubblica di Parma aveva aperto un'inchiesta senza ipotesi di reato: ora invece 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ora nel registro degli indagati sono state iscritte due persone con l'ipotesi di reato di omicidio colposo. Nella giornata di oggi, giovedì 28 maggio, verrà effettuato l'autopsia. I carabinieri avevano ascoltato il racconto dei genitori: nei giorni precedenti alla tragedia avevano contattato un pediatra perchè sospettavano che il bimbo potesse essere stato contagiato dal Covid-19. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuovo focolaio nella Bassa: 33 lavoratori contagiati

  • Coronavirus, in arrivo un nuovo Dpcm: le misure dal 14 luglio

  • Bimbo di 2 anni azzannato da un cane in via Po: è grave in ospedale

  • Fanno sesso in Pilotta e aggrediscono i poliziotti: due arresti

  • Coronavirus, a Parma 13 nuovi casi: 9 sono i lavoratori della cooperativa

  • Parma, un positivo al covid: scatta il ritiro per la squadra

Torna su
ParmaToday è in caricamento