menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si è spento mons. Benito Cocchi, Arcivescovo emerito di Modena: nel 1982 fu nominato Vescovo di Parma

Il prelato si è spento nella Casa del Clero dove abitava dal 2009, cioè dalla sua partenza da Modena, consumato dalla malattia

E' arrivata oggi da Bologna la notizia della scomparsa del vescovo emerito Benito Cocchi. Il prelato si è spento nella Casa del Clero dove abitava dal 2009, cioè dalla sua partenza da Modena, consumato dalla malattia. Non sono ancora stati resi noti gli orari delle esequie e di altri momenti di preghiera che la Diocesi non mancherà di organizzare.

Cocchi nacque nel 1934 a San Giovanni in Triario, nel comune di Minerbio (Bologna); compì gli studi prima al Seminario Arcivescovile poi al Seminario regionale di Bologna. Conseguita la Licenza in Teologia e la laurea in Diritto Canonico presso la Pontificia Università Lateranense, fu ordinato sacerdote a Bologna il 14 marzo 1959 dal cardinale Giacomo Lercaro. La sua attività di ministero nella Curia Arcivescovile ebbe inizio nel 1963, insieme all’impegno pastorale in alcune parrocchie della città: Ss. Francesco Saverio e Mamolo in Bologna, S. Severino e S. Savino di Corticella, dove ha svolto il suo ministero anche presso la Casa della Carità.

Per alcuni anni ha vissuto con alcuni sacerdoti in una modesta casa alla periferia di Bologna, facendo vita comune con essi e provvedendo con essi alle necessità quotidiane. Ebbe poi successivamente l’incarico di assistente diocesano della Fuci dal 1963; assistente delle Guide Italiane dal 1965 al 1970, docente al Seminario Regionale dal 1964. Si è dedicato ai problemi della famiglia, come consulente del Consultorio Matrimoniale. Fu Cancelliere arcivescovile dal 13 maggio 1971 e Pro-vicario Generale dal 29 aprile 1974.

Fu preconizzato Vescovo il 12 dicembre 1974 e ordinato il 6 gennaio 1975 dal cardinale Antonio Poma a Bologna, dove divenne Vescovo ausiliare. Fu nominato vescovo di Parma il 22 maggio 1982. Fu inoltre amministratore apostolico di Piacenza-Bobbio dal 1 dicembre 1994 al 30 settembre 1995. Nel giugno 1995 entrò nella presidenza di Caritas Italiana, di cui divenne presidente il 12 dicembre 1996, fino al maggio 2003. Fu nominato arcivescovo di Modena-Nonantola il 12 aprile 1996;  fece l’ingresso in diocesi il 9 giugno 1996.

Dell’episcopato modenese di mons. Cocchi ricordiamo la visita pastorale alle parrocchie, (1997-2002) e quella alle Unità pastorali (2003-2005), il Convegno della Montagna (2002-2003) e il terzo convegno della Chiesa di Modena-Nonantola (2007). Appuntamento annuale molto atteso è quello della Lettera alla città, nella solennità di San Geminiano, l’invito ad ogni cittadino per un momento di riflessione ed impegno su temi di attualità modenese. Mons. Cocchi aveva rinunciato alla sede episcopale di Modena al compimento del 75° anno di età, nel  novembre 2009. Il 27 gennaio 2010  la Santa Sede  rese pubblica la nomina di mons. Antonio Lanfranchi ad arcivescovo abate di Modena-Nonantola. 
Mons. Cocchi sottolineò, nel suo saluto, il grande rispetto di Modena per i valori importanti come la famiglia e la formazione nella fede, l’attenzione al tema del lavoro, mancante in tempi di crisi. “Tutti i cittadini di Modena – aveva detto mons. Cocchi – sono splendidi, sempre capaci di essere aperti a tutti, capaci di accogliere quello che incontrano nel mondo”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 125 nuovi contagi e un morto

  • Cronaca

    Parma da oggi in zona arancione

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento