Trecasali, addio all'ex sindaco Luciano Aiolfi: aveva 61 anni

E' stato colto da un malore mentre era a casa con la moglie. Entrato in politica nel 1985, aveva ricoperto prima la carica di assessore e poi quella di sindaco. Il ricordo di Bernazzoli: "Un servitore delle istituzioni"

Luciano Aiolfi, ex sindaco del Comune di Trecasali, è morto ieri sera dopo essere stato colpito da un malore mentre era a casa con la moglie. Immediato l'intervento del 118 che però non poteva fare altro che constatare il decesso di Aiolfi. Aveva 61 anni. Entrato in politica nel 1985, aveva ricoperto prima la carica di assessore e poi quella di sindaco.

Il comune di Trecasali ha proclamato per la giornata di oggi il lutto cittadino con l'esposizione della bandiera a mezz'asta e la sospensione delle attività commerciali per la durata dei funerali, dalle 14 alle 16.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una persona saggia, equilibrata, un amministratore innamorato della sua terra” . Vincenzo Bernazzoli presidente della Provincia di Parma ricorda così Luciano Aiolfi, l’ex sindaco di Trecasali scomparso improvvisamente. “Luciano era un servitore delle istituzioni sia professionalmente che come amministratore. Sempre disponibile ad affrontare le situazioni anche le più spinose con spirito costruttivo. Ha dato il suo contributo alla crescita della sua terra”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, i 'furbetti' del supermercato: "Chi esce per comprare solo una birra è incosciente"

  • Coronavirus: dopo Piacenza nuove restrizioni in arrivo anche a Parma

  • Coronavirus: a Parma sabato e domenica chiusi centri commerciali e supermercati

  • Salsomaggiore: muore il medico termale Ghvont Mrad

  • Coronavirus: il Gruppo Chiesi dona 3 milioni di euro e aumenta del 25% lo stipendio dei lavoratori

  • Coronavirus, Venturi: "Sistema al collasso se a Parma i contagi non diminuiscono"

Torna su
ParmaToday è in caricamento