menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Movida, controlli nei locali: multa di 1.180 per non aver chiuso entro l'orario

Nelle giornate di mercoledì 20 e venerdì 22 maggio gli agenti della polizia Municipale hanno effettuato una serie di controlli in diversi locali sulle strade interessate dalla movida

Nelle giornate di mercoledì 20 e venerdì 22 maggio gli agenti della polizia Municipale hanno effettuato una serie di controlli in diversi locali sulle strade interessate dalla movida. Mercoledì sera un locale in via Farini è stato multato per 740 euro per due violazioni -mancata esposizione dei cartelli sul divieto di fumo e omessa chiusura entro l'orario previsto- mentre in via D'Azeglio è stata sanzionata per 600 euro un'attività artigianale per "omesso rispetto del divieto di vendita di bevande alcoliche per asporto" e "omessa chiusura entro l'orario previsto". Sempre in via D'Azeglio un pubblico esercizio è stato multato per ben 1.180 euro, anche in questo caso per omessa chiusura in orario, ma anche per mancata presenza del misuratore di tasso alcolemico e mancata esposizione delle relative tabelle. 

Nella serata di venerdì, invece, sono stati redatti diversi verbali d'ispezione su locali in via Farini e via D'Azeglio, dove è stato controllato il rispetto delle prescrizioni e delle ordinanze relative agli orari di chiusura, e sono stati sanzionati  un'attività artigianale  Kebab in via D'Azeglio, -300 euro di multa per omessa chiusura rilevata alle due di notte- e un pubblico esercizio in via La Spezia, che dovrà pagare 880 euro di contravvenzione per mancata presenza del misuratore di tasso alcolemico e mancata esposizione della relativa tabella. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Attualità

Covid: a Parma quasi 44 mila vaccinazioni

Salute

Come calcolare l'Indice di Massa Corporea

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: più di 170 casi e un morto

  • Cronaca

    Covid: "Negli ultimi giorni abbiamo ricoverato molti giovani"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento