Tentato omicidio alla movida: studente condannato a 7 anni

I fatti risalgono al 13 luglio 2011 durante la festa in via d'Azeglio, vicino alla Latteria: il 23enne di Brindisi colpì con una coltellata un giovane di 28 anni per futili motivi

movida

E' stato condannato a sette anni di carcere il giovane brindisino di 23 anni accusato del tentato omicidio di un altro ragazzo incontrato durante la movida di via d'Azeglio lo scorso 13 luglio. Quella sera il giovane, che si trovava a Parma per motivi di studio, sferrò una coltellata al malcapitato giovane elettricista di 28 anni con cui probabilmente aveva avuto una discussione per futili motivi.

Fortunatamente il colpo non lese le parti vitali della vittima che, dopo essere uscito dall'ospedale, individuò il 23 come l'aggressore. La polizia lo cercò ma la sua abitazione era deserta: dopo il fatto criminoso era tornato dai suoi genitori a Brindisi. Poche settimane dopo l'arresto, poi la concessione dei domiciliari. Ora la condanna inflitta dal collegio di giudici presieduto da Eleonora Fiengo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nascondevano otto chili di cocaina in un garage del San Leonardo: arrestato un pizzaiolo ed il suo complice

  • Parmense flagellato dal maltempo: allagamenti, crolli e disagi per la neve

  • Esce di strada in via Emilia sotto la pioggia a dirotto: gravissimo al Maggiore

  • Maltempo: allerta per piene dei fiumi e frane in Appennino

  • Gervinho, lesione di primo grado: ecco i tempi di recupero

  • Usò il collare elettrico fino a provocare la morte del cane: condannato allevatore 47enne di Parma

Torna su
ParmaToday è in caricamento