Multa per lo yogurt. Ghiretti: "Seppelliamo Parma nei divieti!"

Roberto Ghiretti, consigliere di Parma Unita, interviene in merito alle sanzioni per la violazione dell'ordinanza anti-bivacco. Per Ghiretti il provvedimento messo in atto dal Comune dovrebbe avere obiettivi diversi da quello che vede multare due ragazzi che mangiano uno yogurt

Il consigliere di Parma Unita, Roberto Ghiretti, interviene in merito alle prime sanzioni per la violazione dell'ordinanza anti-bivacco. Per il consigliere di opposizione un simile provvedimento da parte del Comune dovrebbe avere obiettivi diversi da quello che vede multare due ragazzi che mangiano uno yogurt.

"L'ordine e il decoro pubblico sono salvi! In due giorni abbiamo multato due ragazzi che mangiavano yogurt e altri due che bevevano acqua. Se non fossimo di fronte alla realtà di quanto sta accadendo a Parma, si potrebbe pensare di stare davvero su Scherzi a parte! A suo tempo non avevo commentato questa ordinanza anti bivacco perché, ingenuo quale sono, pensavo avesse un obiettivo più che condivisibile: dotare la Polizia Municipale degli strumenti necessari per intervenire sui veri bivaccatori. Che per me sono quei gruppi di 10-15 persone che passano ore sui gradini dei principali monumenti di Parma bevendo alcolici tra allegri schiamazzi. A questi, pensavo, l'agente avrebbe potuto finalmente avvicinarsi, intimare di alzarsi e, qualora si fosse trovato di fronte a dinieghi e sfottò, procedere a verbalizzare il tutto.

Insomma pensavo si trattasse di una ordinanza che dietro il linguaggio necessariamente rigido della legge avesse una sua “intelligenza” nel consentire un intervento rispetto a quelle situazioni che effettivamente rappresentano un fastidio per la collettività. Ma non avevo fatto i conti con l'inflessibilità a 5 stelle, che assomiglia sempre più a quella stereotipata del burocrate che applica le leggi senza porsi domande. Inflessibilità – sia detto per inciso – che corre su un doppio binario visto che in queste ore gira sul web la foto che ritrae l'auto elettrica del sindaco parcheggiata dove non potrebbe (strisce gialle) e in questo caso di verbali temo non ne siano stati fatti...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma tornando al punto io mi chiedo quale disagio creerà mai nei cittadini la vista di due ragazzi che mangiano uno yogurt seduti sulle scale del Battistero? Quale danno deriverà al turismo nella nostra città da qualcuno che beve una bottiglietta d'acqua? Sono questioni alle quali evidentemente chi ha deciso l'applicazione senza se e senza ma di questa ordinanza non è interessato. E allora, visto che, per dirla con Abraham Lincoln, “il miglior modo per far abrogare una pessima legge consiste nel farla applicare rigorosamente”, ecco il mio modesto contributo: multiamoli tutti, anziani accaldati, bambini festanti, giovani innamorati, multiamoli e seppelliamo Parma in un mare di divieti. Saremo tutti più felici e più liberi di frequentare le strade deserte della nostra bellissima città."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Welcome, Mister President: al via l’era Krause

  • Maxi rissa con i coltelli all'alba all'ex Salamini, quattro feriti: due gravi al Maggiore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento