menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Al via "Come una volta", Casa: “Valorizziamo le nostre eccellenze”

Un mercato di Natale dedicato alla biodiversità vegetale e animale quello organizzato in Piazza Garibaldi dal 5 all'8 dicembre, dove poter degustare prodotti tipici e apprezzare la pecora cornigliese, il tacchino e il suino nero di Parma

Il suino nero, il tacchino di Parma e Piacenza e la pecora cornigliese protagonisti del primo mercatino di Natale dedicato alla biodiversità a Parma. Tre giorni in Piazza Garibaldi tra stand, esposizioni e tensostrutture per ospitare le eccellenze della biodiversità del parmense con la presenza dei produttori. Si chiama “Come una volta” e punta, come spiegato dall’assessore Cristiano Casa, a tornare alla visione del passato quando i prodotti della campagna venivano portati nella piazza cittadina per essere esposti e venduti. “Da noi manca la tradizione dei mercatini di Natale, che in realtà come l’Austria o il Sud Tirolo attirano un grande numero di persone ogni anno. Abbiamo pensato di creare un appuntamento fisso dedicato al Natale puntando non sui comuni balocchi, ma sul nostro patrimonio di biodiversità, per valorizzarlo al meglio”.

L’evento, promosso dal Consorzio del Suino Nero di Parma con il patrocinio del Comune di Parma e il coinvolgimento della Provincia, in collaborazione con Video Type e Agri eco, mira a riscoprire le varietà locali dimenticate, attraverso un’offerta incentrata sulla biodiversità, dal pane prodotto con varietà di grano antiche, ai frutti dimenticati, sino alle eccellenze come il suino nero, il tacchino e la pecora cornigliese, presentati al pubblico attraverso giornate tematiche che avranno inizio il 5 dicembre per culminare l’8 con l’accensione dell’albero, un bicchiere di vino novello e una tazza di anolini in brodo. Sarà possibile non solo degustare i prodotti tipici, ma vedere le specie sotto la struttura recintata posta su un lato della piazza Garibaldi dove durante la mattina saranno organizzate anche iniziative per i più piccoli, con il racconto di fiabe nelle stalle e i laboratori delle fattorie didattiche. Sarà inoltre possibile conoscere i produttori e sapere a chi potersi rivolgere per acquistare i prodotti. Prevista anche la devoluzione di un contributo in favore dell’Hospice Piccole Figlie. Filo diretto anche con la Francia, con la presenza di produttori francesi che proporranno le eccellenze del territorio. “Un percorso non semplice quello della biodiversità che offre un valore aggiunto permettendo alle persone di scegliere al meglio, sulla base di prodotti genuini e del territorio”, sottolinea Claudio Moretti, delegato agricoltura Provincia di Parma. “Permetteremo al pubblico di entrare in contatto diretto con i produttori - sottolinea Massimo Spigaroli presidente del Consorzio di tutela del Suino Nero –, mostrando quel mondo nascosto che però è ciò che rende le nostre eccellenze tali. La biodiversità è l’unico mezzo che abbiamo ancora oggi in un mondo dominato dall’omologazione per far vedere ciò che siamo”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Riesplodono i contagi: 164 nuovi casi e 2 morti

  • Cronaca

    Pizzarotti: "Contagi a rimbalzo: dobbiamo tenere duro così"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento