“Nei loro occhi la paura di non tornare più a casa: quanta sofferenza per gli anziani”

Martina Rendo, medico pneumologo che ha seguito i pazienti più facili in piena pandemia da Coronavirus: “Non abbassiamo la guardia, ci sono categorie a rischio”

“Mi è rimasto dentro il dolore degli anziani, coloro che rifiutavano fino all’ultimo di ricevere le nostre cure. Preferivano rimanere a casa, perché necessitavano della presenza dei familiari, dell’affetto. Cosa che sarebbe venuta meno nelle strutture”. Quello che resta dentro Martina Rendo, medico pneumologo territoriale, è l’idea di sofferenza mitigata in parte da una situazione di controllo della diffusione del maledetto coronavirus: “Il sistema sanitario riesce ad assorbire meglio le problematiche dei malati – spiega -, abbiamo meno pazienti in rianimazione, non c’è più congestione negli ospedali per cui l’accesso alle cure non è più emergenza. Con gli ospedali pieni era difficile prestare cure a tutti, il rallentamento permette di curare e fare diagnosi e terapie con molta tranquillità”. La battaglia non è ancora finita:  “Bisogna mantenere ancora la guardia alta, queste infezioni per le categorie a rischio può essere molto pericolosa.  L’attenzione almeno per i prossimi mesi dovrà sicuramente essere alta per non arrivare nelle situazioni emergenziali di febbraio e marzo”. Sono stati mesi di sofferenza e frustrazione per tutti: “Era una malattia che non conoscevamo, noi medici ci siamo trovati destabilizzati all’inizio, non avevamo certezze sulle cure, non sapevamo cosa potesse essere efficace oppure no: questo per noi è stato devastante. Non avere la sicurezza su come prestare le cure adeguate è snervante. Le storie di tanti anziani, che spesso rifiutavano di andare in ospedale perché non volevano allontanarsi dalle cure dei familiari è stata una situazione bruttissima. Spero non venga rivissuta”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc a Bedonia, lite per un muretto: 63enne uccide il vicino di casa 70enne fracassandogli il cranio

  • Nuova ordinanza: dal 26 giugno i posti a sedere su bus e treni possono essere occupati al 100%

  • Paura a Cangelasio: esplosione ed incendio in un fienile e un'abitazione

  • Calabria, Pizzarotti sullo spot che attacca il Nord: "Non dirò mai venite a Parma paragonandola ad altre città"

  • Maxi evasione dell'Iva: la Finanza sequestra 12 milioni di euro a due cooperative del gruppo Taddei

  • Ospedale Maggiore: nessun paziente Covid in terapia intensiva

Torna su
ParmaToday è in caricamento