Maltempo, prima neve oltre gli 800 metri: mezzi spartineve in azione

La prima neve è arrivata, ma per ora solo in Appennino oltre gli 800 metri, in corrispondenza dei passi Cento Croci, Tomarlo e Bocco. Nella notte sono scesi circa 10 centimetri di neve ma non si sono verificati particolari disagi

La prima neve è arrivata, ma per ora solo in Appennino oltre gli 800 metri, in corrispondenza dei passi Cento Croci, Tomarlo e Bocco. Nella notte sono scesi circa 10 centimetri di neve ma non si sono verificati particolari disagi alla circolazione dei veicoli. La neve è scesa anche nella zona del rifugio Lagdei dove le temperature sono rimaste per tutta la serata di ieri intorno allo zero. E' ancora attesa quindi per la prima nevicata a Parma: la temperatura rimane ancora sopra i 6 gradi durante il giorno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

PROVINCIA, SCATTA IL PIANO NEVE. E’ scattato nella notte il piano neve della Provincia. Praticamente su tutti i passi appenninici si sono superati i 5 centimetri, quantità che fa partire l’attivazione dei mezzi spartineve, e continua a nevicare sopra gli 800 metri. Nelle Valli del Taro e Ceno la neve è caduta sulle provinciali a Borgotaro, Bedonia, Tornolo e Bardi e in particolare sui passi Tomarlo dove ha raggiunto il mezzo metro, Bratello, Centocroci (30 cm di neve), Bocco, Pianazze, Boccolo e Pellizzone. Anche nella Valle dell’Enza e Val Parma gli spazzaneve sono usciti nella notte sui passi del  Lagastrello, Sillara, Ticchiano, Cirone. Il Piano neve della Provincia prevede complessivamente 200 mezzi per lo spazzamento neve, spargimento sale e disgelanti che agiscono su 1.400 chilometri di strade di competenza dell’ente. Per essere più efficienti questi 1400 chilometri sono stati divisi in tronchi da 12 km ciascuno, in modo da consentire più passaggi in minor tempo e quindi una pulizia più efficiente del manto stradale. Con funzione di coordinamento vengono poi attivati tutti i centri operativi del Servizio viabilità dislocati sul territorio provinciale. A tutto ciò si aggiunge il monitoraggio costante da parte degli addetti al Servizio provinciale Viabilità incaricatidi controllare il livello di percorribilità delle strade.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Coronavirus, Parma seconda in regione per numero di casi: 21 in più

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

  • Apre un bed and breakfast ma non comunica le generalità dei clienti alla Questura: titolare denunciata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento