Iren, Dall'olio attacca Pizzarotti: "Svende le azioni per un paio di poltrone"

"Stando alle parole del sindaco, il Comune non sarebbe più il depositario dei servizi pubblici locali, siano essi gestiti in forma diretta o affidati in concessione, bensì un semplice cliente che compra un servizio dal privato"

"Mentre il Comune di Reggio - si legge nella nota inviata da Nicola Dall'Olio, capogruppo Pd Consiglio comunale - si appresta a ripubblicizzare il servizio idrico acquisendo il ramo di azienda da IREN e il Comune di Forlì lavora per riprendere in gestione diretta il servizio di raccolta rifiuti, Pizzarotti si appresta a svendere le azioni e gli ultimi asset che ci rimangono in IREN in cambio di un paio di poltrone lautamente pagate per gli amici Bagnacani e Raphael Rossi (quello delle consulenze gratuite), di una manciata di sponsorizzazioni e di una fulminea carriera in ANCI (l'Associazione Nazionale dei Comuni Italiani).
 
In poco meno di due anni abbiamo assistito a un completo ribaltamento di posizioni: siamo passati dal Dies IREN, il funerale della multi utility celebrato insieme a Beppe Grillo, ai sorrisi, le strette di mano, i reciproci attestati di stima e di collaborazione con il presidente di IREN Profumo, a Parma in questi giorni per ben due volte. L’incontro "Iren, sostenibilità e territorio" è stato da questo punto di vista emblematico e imbarazzante. Imbarazzante per gli atteggiamenti, ma soprattutto per le dichiarazioni del “nostro Sindaco”, come lo ha chiamato più volte Profumo. Abbiamo infatti appreso da Pizzarotti che il Comune è innanzitutto “cliente” di IREN, affermazione che la dice lunga sui rapporti tra Comune e multi utility e più in generale sulla concezione che il sindaco ha del rapporto pubblico-privato nell’erogazione di servizi essenziali per la collettività.
 
Stando alle parole del sindaco, il Comune non sarebbe più il depositario dei servizi pubblici locali, siano essi gestiti in forma diretta o affidati in concessione, bensì un semplice cliente che compra un servizio dal privato, in questo caso la multi utility, come se il servizio non competesse al Comune e non fosse suo compito regolarlo e controllarlo, anche e soprattutto sul piano tariffario. Siamo al completo ribaltamento dei ruoli che fa il paio con il ribaltamento delle posizioni del Sindaco. Acqua pubblica e beni comuni? Gestione diretta del servizio raccolta rifiuti? Reinternalizzazione dei servizi? Maggiore controllo sull'operato delle multi utility? Solo slogan e fumo negli occhi per chi ci ha creduto in campagna elettorale. Così come fumo negli occhi sono stati gli impegni presi dal Sindaco in Consiglio comunale di mantenere a Parma la sede amministrativa di IREN e di potenziare le strutture operative territoriali, con evidenti ricadute tecniche e occupazionali. Impegni tutti disattesi.
 
Quello che emerge dietro questo fumo è invece una linea politica chiara, la linea andreottiana del tirare a campare e di acquisire per sé ruoli e visibilità nazionale in cambio di accordi al ribasso con i poteri che contano, alla faccia delle promesse di rivoluzione a 5 stelle. Stupisce che gli unici a non essersene ancora accorti siano proprio i consiglieri comunali grillini. Sempre che possano ancora definirsi tali".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Welcome, Mister President: al via l’era Krause

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento