Nigeriana si oppone al rimpatrio forzato e cerca di spogliarsi: il comandante si rifiuta di partire 

La donna, una 36enne irregolare sul territorio italiano, rintracciata dall'Ufficio immigrazione della Questura di Parma, sarà riaccompagnata a Malpensa con la scorta della polizia di Stato 

Si è opposta al rimpatrio forzato e si è rifiutata di salire su un volo che da Milano Malpensa l'avrebbe riportata direttamente in Nigeria. Una donna di 36 anni, irregolare sul territorio italiano e con precedenti per spaccio di sostanze stupefacenti, rintracciata dall'Ufficio Immigrazione della Questura di Parma, ha tentato di spogliarsi mentre si trovava sotto la pancia dell'aereo. A quel punto il Comandante dell'aereo ha rifiutato il suo imbarco e i poliziotti sono stati costretti a riaccompagnare la donna a Parma. La giovane era stata fermata dagli agenti dell'Ufficio Immigrazione dopo che era diventata irregolare: il Questore aveva disposto il suo accompagnamento coatto alla frontiera. La donna però ha opposto resistenza al rimpatrio: ora la donna sarà riaccompagnata in frontiera ma questa volta sarà scortata dagli agenti della polizia di Stato per un viaggio di sola andata per la Nigeria.  Per l’occasione infatti il Dipartimento della Pubblica Sicurezza ha autorizzato la scorta internazionale, unico modo per garantire l’effettiva espulsione. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dichiarazione dei redditi: dal 1° gennaio 2020 le spese da detrarre non possono essere pagate in contanti

  • Calendario di Miss Nonna 2020: per il mese di agosto c'è una nonna parmigiana

  • "Rimborsi raddoppiati per gli interventi chirurgici", sequestro di oltre 1 milione di euro alle Piccole Figlie: denunciati direttore e dirigente medico

  • Tragedia in stazione: uomo travolto ed ucciso da un treno

  • Più di mille giovani a Noceto per un rave in un capannone abbandonato

  • Pizzarotti a Salvini: "Ecco il delirio di un uomo, tu non mandi a casa proprio nessuno"

Torna su
ParmaToday è in caricamento