menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Salsomaggiore, spaccio e prostituzione nei night: in manette 3 italiani e un albanese

Le indagini, avviate nei primi mesi del 2013 dall’Aliquota Operativa della Compagnia di Salsomaggiore, hanno permesso di accertare l’esistenza di un sodalizio italo-albanese in grado di smerciare, al dettaglio, discreti quantitativi di cocaina ed hashish, principalmente nei pressi della base logistica del gruppo costituita da un night club di Medesano

I militari della Compagnia Carabinieri di Salsomaggiore Terme, nell’ambito dell’operazione denominata convenzionalmente “Glass Jar”, hanno eseguito 4 ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal GIP del Tribunale di Parma, su richiesta della Procura della Repubblica parmigiana, per spaccio di sostanze stupefacenti e sfruttamento della prostituzione. Nel mirino dell'inchiesta il il night club CanAm nei comuni di Medesano, Noceto e Pellegrino: in manette tre albanesi e un italiano. 

AGGIORNAMENTI - Nelle prime ore di venerdì mattina i Carabinieri della Compagnia di Salsomaggiore Terme hanno eseguito 4 ordinanze di custodia cautelare in carcere a seguito di un’attività d’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Parma, che ha consentito d’individuare e bloccare quattro persone dedite allo spaccio di stupefacenti e allo sfruttamento della prostituzione nei comuni di Medesano, Noceto e Pellegrino Parmense. 

Le indagini, avviate nei primi mesi del 2013 dall’Aliquota Operativa della Compagnia di Salsomaggiore, hanno permesso di accertare l’esistenza di un sodalizio italo-albanese in grado di smerciare, al dettaglio, discreti quantitativi di cocaina ed hashish, principalmente nei pressi della base logistica del gruppo costituita da un night club di Medesano. Tramite mirate attività tecniche e servizi di pedinamento i Carabinieri sono riusciti a ricostruire il commercio illegale e la rete di relazioni criminali intessute dagli arrestati giungendo anche all’arresto, in flagranza di reato, di 2 persone per spaccio ed al sequestro di alcune decine di grammi di stupefacente. Le operazioni, terminate nell’aprile del 2014, hanno consentito di acclarare a carico di uno degli albanesi e del socio italiano, oltre alla violazione della normativa sugli stupefacenti, anche lucrosa attività di sfruttamento della prostituzione che i due gestivano all’interno del locale notturno. 

Questi elementi, uniti ad altri fatti reato contestualmente accertati a carico di alcuni degli indagati, quali la ricettazione di circa 8.000 euro di rame ed ottone rubati a Parma, hanno permesso di far emergere in maniera chiara ed evidente la gravità del complesso accusatorio sostenuto dalla Procura portando all’emissione dei provvedimenti di custodia cautelare in carcere, a vario titolo emessi, per i delitti di detenzione e spaccio di sostanza stupefacente in concorso,  ricettazione,  sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione, a carico di: C. X., nato in Albania cl’ 89;      D. G. parmigiano cl. ’90; F. E. parmigiano cl. ’88; C. E. lucano cl. '76.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Al Family Food Fight trionfa Parma con i Dall'Argine

Attualità

Covid: a Parma oltre 124 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 84 nuovi casi e 2 morti

  • Cronaca

    Parma potrebbe passare in zona gialla dal 26 aprile

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento