'Il Bomb Jammer a Nino di Matteo': presidio in Prefettura per sostenere il magistrato

Dopo le minacce di morte di Totò Rina al Pm antimafia in tutta Italia si terranno presidi il 3 aprile, anche per chiedere che il Ministro Alfano doti il Pm e la scorta del dispositivo per neutralizzare gli impulsi radio per gli ordigni esplosivi

Processo sulla trattativa Stato-Mafia e Nino di Matteo. La rete di associazioni antimafia si mobilita sul territorio nazionale per sostenere il magistrato, minacciato di morte dal capomafia Totò Rina e per chiedere la disponibilità, per il magistrato e la sua scorta del dispositivo Bomb Jammer che neutralizza gli impulsi radio con cui vengono attivati gli ordigni esplosivi. Partendo dall'appello di Salvatore Borsellino e del Movimento Agende Rosse sono stati organizzati numerosi presidi per giovedì 3 aprile. A Parma il presidio si terrà davanti alla Prefettura in via Repubblica dalle ore 16 alle ore 18. La mobilitazione è promossa da Scorta Civica e Azione Civile di Parma. 

"Aderendo all'appello di Salvatore Borsellino e del Movimento Agende Rosse -si legge in una nota degli organizzatori- anche a Parma come in tutta Italia si svolgerà giovedì 3 aprile dalle ore 16.00 alle 18.00 un presidio davanti alla Prefettura in via della Repubblica 39, in sostegno al magistrato Nino di Matteo, impegnato nel processo denominato “Trattativa Stato/mafia” in corso a Palermo, destinatario di una esplicita minaccia di morte da parte del capomafia Totò Riina. Il Ministro Angelino Alfano aveva promesso, il 3 dicembre scorso, per Nino Di Matteo, per i suoi colleghi e per gli uomini della scorta, la disponibilità del "bomb jammer", un dispositivo in grado di intercettare e neutralizzare gli impulsi radio con cui vengono azionati a distanza gli ordigni esplosivi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma a distanza di alcuni mesi nulla è stato fatto. Noi non vogliamo altri funerali di Stato! Perciò chiediamo con forza l’adozione immediata del dispositivo “Bomb Jammer” di ultima generazione per Nino Di Matteo e la sua scorta! Non si può lasciare la lotta e il contrasto alla mafia soltanto ai giudici che rischiano la vita per noi. Spetta ad ogni cittadino onesto non lasciare soli i magistrati minacciati a morte dalla mafia. Cittadini, associazioni e organi istituzionali sono invitati ad unirsi nel manifestare il sostegno ai magistrati impegnati ad estirpare il cancro di tutte le mafie della nostra società, ormai esteso a tutto il territorio nazionale. E’ un nostro dovere manifestare sostegno e solidarietà e chiedere alle istituzioni preposte di proteggere concretamente il P.M. Nino Di Matteo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Torna il volo Parma-Trapani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento