Notte dei senza dimora: Comune e Provincia disertano l'iniziativa

Musica, intrattenimento ma anche riflessioni sulla situazione dei senza dimora a Parma, attraverso una serata culminata dormendo con un sacco a pelo in Pilotta per immedesimarsi in chi è costretto a passare ogni notte fuori senza una casa

Un sacco a pelo sotto le volte della Pilotta per trascorrere la notte immedesimandosi in chi, anche a Parma, è costretto a dormire fuori ogni sera. Un segnale forte quello lanciato anche questa volta da Pane e Vita Onlus con una serata dedicata a chi vive in condizioni di estrema povertà a Parma e non ha alcun riferimento. La notte dei senza dimora si è popolata non solo dei sostenitori dell'associazione che da ormai sette anni opera a Parma per fornire cibo, coperte e sostegno a quasi un centinaio di persone, ma anche di curiosi che si sono affollati attorno al palco e agli stand nel piazzale della Pace. Musica, intrattenimento ma anche riflessioni in assenza però dei previsti saluti istituzionali degli enti che hanno patrocinato l'iniziativa, Comune e Provincia di Parma.Notte degli invisibili, Pane e Vita: "Tenere alta l'attenzione su chi ha perso tutto"
 Importante la presenza anche dell'associazione Avvocato di Strada, che da sei mesi è attiva a Parma per fornire assistenza legale gratuita ai senza fissa dimora. Un impegno che i volontari, in prevalenza avvocati ma anche assistenti sociali e praticanti in legge, portano avanti con determinazione e voglia di far si che ostacoli che possono sembrare insormontabili come la questione della residenza o cavilli burocratici, possano essere risolti "sentendosi un po' meno soli", come sottolineato dalla referente Serena Piro, che con altri volontari ha aderito alla notte dei senza dimora.

Una situazione allarmante, della quale si conoscono in parte i dati anche grazie al censimento che Pane e Vita realizza parlando con chi si rivolge a loro durante il servizio di unità di strada. Una realtà su cui è necessario che le istituzioni, e in particolar modo l'assessorato al welfare del Comune, si occupino in modo più sistematico e attento secondo Luigi Martusciello che sostiene che le maglie dell'assistenza siano troppo larghe e che spesso non consentano di contenere i tanti casi difficili di Parma.

Per riuscire a farsi un'idea sul numero e la provenienza di senzatetto presenti in città, è particolarmente utile il censimento che ormai da tempo i volontari di Pane e Vita stilano alla stazione. Un punto d'ascolto che diventa fondamentale per tanti di loro, che spesso vengono indirizzati a servizi di cui non sono a conoscenza. Con il dialogo emergono le tante storie diverse di chi, per aver perso il lavoro o per essere arrivato in Italia con la speranza di trovarlo, si ritrova a fare la fila la sera davanti al camper di Pane e Vita. In prevalenza uomini, ma anche tante donne si ritrovano a non avere più una casa e un lavoro e a rivolgersi ai volontari secondo le stime calcolate sulla base delle informazioni raccolte da quasi un anno. L'età media per le donne è di 50 anni e 38 per gli uomini, il 67% proviene dall'est Europa, Moldavia, Ucraina, Romania, Albania. Il 22% proviene dal Nord Africa e dall'Africa centrale. Cresce però anche il dato degli italiani che ormai sarebbero circa il 13% secondo l'associazione. Dati utili per cercare di inquadrare ancor meglio un fenomeno che rischia di diventare un'emergenza sociale secondo i volontari dell'associazione. Significativo il numero di persone che ogni sera si rifugia nella sala d'aspetto della stazione ferroviaria e che, alla chiusura alle 2 del mattino, si ritrova a dormire con appena una coperta sul binario 7, fermo durante la notte, o davanti alla libreria o alla pizzeria. Per loro e per i tanti casi di persone che sono costrette ogni sera a cercare ripari di fortuna in vecchi casolari o all'aperto, l'associazione ha deciso di dedicare una serata che oltre all'intrattenimento e alla possibilità di raccogliere donazioni, mira a sensibilizzare l'attenzione di tutti i cittadini sulla necessità di un mutuo aiuto per aiutare chi ha perso tutto ad avere una seconda possibilità.
 

Potrebbe interessarti: https://www.parmatoday.it/cronaca/senzatetto-parma-pane-vita.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/ParmaToday

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Potrebbe interessarti: https://www.parmatoday.it/cronaca/notte-senza-dimora-16-novembre-pane-vita.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/ParmaToday

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Parma, quattro giocatori positivi al coronavirus

  • Allerta terapie intensive: a Parma rischio alto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento