Cronaca Cortile San Martino / Via Enrico Forlanini

Number 1, sciopero ai cancelli: 'Riassumete i 5 licenziati'

Dalle prime ore dell'alba alcuni lavoratori del Si Cobas chiedono la riassunzione di 5 camionisti, licenziati da una ditta di autotrasporti che lavora per Number 1. Alle 8 il responsabile promette che chiederà la riassunzione e il blocco viene tolto

La lotta dei lavoratori della logistica sbarca a Parma. E lo fa di fronte ai cancelli dell'azienda leader del settore. Dalle prime ore dell'alba, circa dalle ore 5.30 alcuni lavoratori del Si Cobas, protagonista dei picchetti e dei blocchi in diversi magazzini della logistica tra il milanese ed il piacentino, sono davanti all'ingresso della Number 1 in via Forlanini. Stanno scioperando di fronte all'ingresso riservato ai camion. 

AGGIORNAMENTI. Alle ore 8 il responsabile di Number 1 esce a parlare con i lavoratori e, secondo quanto riferito dai lavoratori e sindacalisti del Si Cobas, promette che si impegnerà per far sì che la ditta di autotrasporti riassuma i 5 camionisti licenziati. I lavoratori del Si Cobas decidono di concludere il picchetto e lo sciopero davanti ai cancelli: nei prossimi giorni dovrebbe essere fissato un incontro per avviare le trattative. 

VIDEO: PARLA UN CAMIONISTA LICENZIATO 

La vertenza non riguarda direttamente l'azienda, i cui magazzini hanno sede in via Forlanini ma alcuni lavoratori di una ditta di autotrasporti che lavora per la Number 1. Lo sciopero è avvenuto, secondo quanto riferito dai lavoratori del sindacato, per chiedere la riassunzione di 5 camionisti, che sono stati licenziati a causa di un cambiamento d'appalto.

VIDEO: 'VOGLIAMO CHE I LICENZIATI SIANO RIASSUNTI' 

"Siamo ex-dipendenti dell'azienda Adorni Trasporti -racconta uno dei camionisti licenziati. Ci ha mandato una lettera di licenziamento con la motivazione che l'azienda avrebbe chiuso. Abbiamo saputo però che non è stato così ma si è trasferito in un'altra azienda ed hanno assunto altre persone per lavorare. Noi, invece siamo rimasti a casa dopo anni di lavoro e abbiamo famiglie e figli e dobbiamo pagare l'affitto. Siamo qui davanti alla Number 1, per cui lavora Adorni, per far vedere che non siamo d'accordo con quanto è successo". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Number 1, sciopero ai cancelli: 'Riassumete i 5 licenziati'

ParmaToday è in caricamento