Efsa di viale Piacenza: la nuova sede sarà operativa a inizio anno

Sopralluogo del sindaco Vignali e del direttore esecutivo di Efsa Geslain-Lanéelle al cantiere per la nuova sede dell'authority. La struttura, che vale 38 milioni, sorge su un terreno ceduto gratuitamente dal Comune

Il sindaco Pietro Vignali e il direttore esecutivo di Efsa Catherine Geslain-Lanéelle

Sopralluogo del sindaco Pietro Vignali e del direttore esecutivo di Efsa Catherine Geslain-Lanéelle al cantiere per la nuova sede dell’Autorità europea per al sicurezza alimentare.

Dopo l’approvazione della delibera per la vendita della sede Efsa durante il consiglio comunale di martedì e a distanza di circa un mese dalla firma dell’accordo preliminare per la cessione all’Efsa della nuova sede di viale Piacenza, i due massimi rappresentanti degli enti legati all’operazione hanno fatto il punto della situazione, verificando di persona l’avanzato stato dei lavori.

La consegna dell’immobile entro fine anno
Entro fine anno, probabilmente prima delle vacanze natalizie, avverrà la consegna dell’immobile a Efsa, così da permettere l’organizzazione del trasloco durante le festività e garantire l’operatività della nuova sede con l’inizio del 2012. I lavori erano partiti con la posa della prima pietra a metà ottobre 2009 e termineranno entro l’autunno.

La struttura: un edificio di 27 mila mq alto 40 metri
L’opera, realizzata dall’ATI CCC Consorzio Cooperative di Bologna, Impresa Mingori di Parma e Unieco di Reggio Emilia, sorge su un terreno di 22 mila mq, ceduto gratuitamente dal Comune (nel comparto in cui in precedenza sorgeva il centro sportivo Sette Fratelli Cervi). Si tratta di un edificio di 11 piani fuori terra e 2 interrati, alto 40 metri, con una superficie complessiva di 27 mila mq (16 mila fuori terra e 11 mila interrati).

I due piani interrati ospiteranno un parcheggio per duecento auto, oltre ai posti per cicli e motocicli e ai locali tecnici. Il piano terra sarà attrezzato per le attività di accreditamento e di meeting (sale riunioni e sale conferenze) ed ospiterà un ristorante ed una caffetteria. I restanti 10 piani saranno destinati esclusivamente agli uffici degli addetti Efsa.
L’energia per il funzionamento dell’edificio sarà in parte prodotta da fonti rinnovabili o a basso impatto ambientale.

La riqualificazione degli spazi circostanti
La riqualificazione dell’area circostante, che si estende per una superficie lorda di 29 mila metri quadrati, avrà un costo di circa 40 milioni di euro, prevede la realizzazione di una nuova viabilità di collegamento con via Reggio e il ponte Europa (ex ponte nord), di nuovi edifici e impianti sportivi (è prevista una nuova piscina coperta in sostituzione di quella esistente), percorsi di verde attrezzato e parcheggi interrati ad uso pubblico. Queste opere, attualmente in corso di realizzazione, saranno terminate nel primo semestre del 2012.

Efsa proprietaria della sede entro fine anno
L’atto preliminare per la cessione della nuova sede di viale Piacenza all’Efsa prevede che l’Autorità alimentare europea diventi proprietaria della nuova sede, del valore complessivo di oltre 38 milioni di euro, entro fine anno.

Cessione in comodato di Palazzo Ducale
Il Comune si impegna a concedere in comodato gratuito ad Efsa, entro e non oltre il 2014, 2 mila mq di uffici da ricavare all’interno del Palazzo Ducale.
Una parte dell’edificio infine, rimarrà (almeno temporaneamente) all’Arma dei Carabinieri.

Catherine Geslain-Lanéelle, direttrice esecutiva dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare, ha ringraziato “le varie amministrazioni locali che in tutti questi anni hanno aiutato l’Efsa a raggiungere l’obiettivo così importante di materializzare l’accordo firmato con la città di Parma in un edificio, che ormai in via di completamento ci permetterà di traslocare entro fine anno. Questa sede consolida l’insediamento a Parma di una delle agenzie più importanti impegnata nella protezione della salute di tutti i consumatori europei. L’Efsa, con più di 450 dipendenti e le proprie famiglie, è da tempo parte del tessuto cittadino. La nuova sede, il cui costo è a completo carico del bilancio europeo, ospiterà le oltre 5000 riunioni che Efsa organizza mediamente all’anno e che vedono la presenza in città di più di 1000 esperti scientifici, con un impatto sul tessuto economico e sociale e con un contributo alla reputazione di Parma a livello europeo ed internazionale.”

Il sindaco Pietro Vignali parte dalla ratifica del Consiglio comunale di un paio di giorni fa, che ha sancito il passaggio di proprietà dell’edificio di viale Piacenza all’Efsa: “E’ stato un momento importante, importante come quando inaugureremo questa sede che conferma ancora una volta la volontà da parte della città nell’accogliere un’istituzione che, da una parte, ci conferisce prestigio e, dall’altra apre ancora più la città all’Europa. Ricordiamoci infatti che ci sono più di 400 persone che lavorano all’Efsa e che abitano con le loro famiglie a Parma, questo oltre ad essere un’opportunità è anche un’occasione di arricchimento culturale. Ringrazio la Stu e tutti quelli che hanno qui lavorato perché hanno fatto le cose bene e velocemente. Ringrazio poi l’Efsa per la stretta collaborazione che ci fornisce quotidianamente”.

L’amministratore unico della Stu Authority Francesco Fochi ha spiegato come: questa visita non sia una presentazione, “stiamo infatti ancora lavorando. Ma vuole confermare il rispetto dei nostri impegni al Comune e all’Efsa, fra questi la consegna entro l’anno. Un risultato questo – conclude Fochi – dovuto a quello spirito di squadra che ha animato in questi anni tecnici e costruttori che hanno realizzato l’opera”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borghese porta Parma su Sky: quali saranno i quattro ristoranti in gara?

  • Dal 3 dicembre torna la zona gialla: tutte le regole per il Natale 2020

  • Parma in zona gialla dal 4 dicembre

  • Mascherine, istruzioni per l'uso: mai portarla in tasca o al braccio

  • "Parma potrebbe tornare presto in zona gialla"

  • Pizzarotti: "Da venerdì torneremo in zona gialla"

Torna su
ParmaToday è in caricamento