rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Cronaca

Nutrie a Parma, nuovo allarme Lega: "L'Oasi non è efficace"

L’allarme sull’invasione di questo roditore infestante in alcune zone della città è stato rinnovato dal segretario della sezione cittadina del Carroccio, Paola Zanichelli

La Lega di Parma alza la voce nuovamente sul problema nutrie. L’allarme sull’invasione di questo roditore infestante in alcune zone della città è stato appunto rinnovato dal segretario della sezione cittadina del Carroccio, Paola Zanichelli : “Mentre l’amministrazione comunale sperimenta la soluzione dolce dell’oasi in zona Parma Retail dove mettere le nutrie e sterilizzarle, questi animali stanno invadendo sempre più quartieri della città. Le segnalazioni non arrivano più solo dal quartiere Colombo dove il problema è colpevolmente irrisolto da tempo ma anche in altre aree densamente abitate della parte nord della città. Per non parlare della campagna sempre a nord dove ormai fanno parte del paesaggio e stanno devastando gli argini dei canali.”

“Già sull’efficacia della stessa operazione di sterilizzazione ci sono oggettivi dubbi ma non la attuano nemmeno in modo adeguato – ha incalzato l’altro dirigente locale leghista, Andrea Bettati – Il recinto dell’oasi di via Watt ha una porta d’ingresso con uno spazio sottostante di 20 cm da dove le nutrie passano facilmente. Così i 18.000 euro spesi per il recinto più quelli per gli alberi da frutto per farle nutrire sono inutili. In quella zona ci sono tantissimi piccoli in libertà che se non si fa qualcosa di incisivo e in tempi rapidi prolifereranno senza controllo.”

“Il regolamento regionale dell’Emilia-Romagna prevede la possibilità di procedere ad abbattimenti quando se ne ravvisa la necessità che a Parma è già evidente dall’allarme nel quartiere Colombo nel gennaio del 2023 – ha aggiunto il vicepresidente dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna Fabio Rainieri – Il Comune di Parma invece continua ad insistere nel non volerle abbattere per non fare dispiacere agli animalisti un po’ come con la via Emilia bis. Della situazione ho anche interessato la Giunta regionale che deve rispondere ad una nuova interrogazione nei prossimi giorni. Però più il tempo passa più la situazione si aggrava e più dovranno essere drastici i provvedimenti da per risolverlo, con buona pace degli stessi animalisti.”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nutrie a Parma, nuovo allarme Lega: "L'Oasi non è efficace"

ParmaToday è in caricamento