Attesa per la sentenza del Tar. Legambiente: "Ogm? No, grazie"

Attesa per la sentenza del Tar del Lazio, che il 9 aprile potrebbe determinare il via libera alle coltivazioni di organismi geneticamente modificati. Legambiente tra i consumatori per un'agricoltura libera dalle coltivazioni transgeniche, che minacciano il paese e la nostra regione

"Attesa per la sentenza del Tar del Lazio -si legge in una nota di Legambiente- che il 9 aprile potrebbe determinare il via libera alle coltivazioni di organismi geneticamente modificati. Legambiente tra i consumatori per un’agricoltura libera dalle coltivazioni transgeniche, che minacciano il paese e la nostra regione. L'associazione chiede ai consorzi di tutela dei prodotti tipici di inserire nel proprio disciplinare l’esclusione degli OGM e alle istituzioni di preparare norme di emergenza per arginare una semina incontrollata
 
Legambiente si mobilita contro gli OGM per un’Italia libera da coltivazioni transgeniche. Il prossimo 9 aprile il Tar del Lazio si esprimerà sul ricorso dell’agricoltore friulano Giorgio Fidenato contro il decreto interministeriale che proibisce la semina di mais MON810, una coltura geneticamente modificata. Se il TAR dovesse accogliere tale ricorso si prefigura il via libera alle coltivazioni transgeniche in Emilia-Romagna come nel resto della Penisola, con ripercussioni anche sul cibo che mettiamo in tavola ogni giorno. La produzione agricola italiana di qualità, uno dei pochi settori risparmiati dalla crisi, sarebbe gravemente compromessa: un colpo durissimo per le nostre coltivazioni, le produzioni biologiche, le esportazioni e la libertà di scelta di tutti noi cittadini. Ma il popolo italiano ha già manifestato in più occasioni la sua opposizione agli OGM. Per questo Legambiente chiede a tutti di ribadire la propria volontà di scegliere cosa mettere nel piatto e proteggere la tipicità dei nostri prodotti.
 
La Regione, già da anni ha una disciplina contro gli OGM, che oggi rischia di essere vanificata dalla sentenza del TAR. Per questo Legambiente chiede di predisporre norme di emergenza, come sta facendo il Friuli Venezia Giulia. Un richiamo per una decisa posizione anti ogm va anche ai consorzi di tutela dei prodotti tipici, perché chiedano una incompatibilità tra territori DOC e DOP con la presenza di OGM, e che soprattutto impongano che anche l’alimentazione di vacche e suini sia libera da OGM.
 
"È assurdo che una scelta così importante per ambiente ed economia possa avvenire in silenzio e nelle aule dei tribunali amministrativi", afferma Lorenzo Frattini Presidente di Legambiente Emilia-Romagna. "L’agricoltura transgenica risponde ad un modello di produzione in cui l’agricoltore è legato mani e piedi a multinazionali i cui obiettivi e i cui approcci non hanno nulla a che fare alla tradizione agricolo di qualità del Paese e dell’Emilia Romagna. Il futuro di questa regione dovrebbe essere se mai quello del 100% bio, come marchio di qualità".
 
L’imminente delibera del Tar del Lazio segnerà fortemente questa battaglia per la qualità e per la sovranità alimentare nel nostro paese, rendendo tangibile la minaccia di contaminazione in campo aperto e impedendo, nel lungo periodo, la coltivazione di prodotti OGM free convenzionali e biologici. L’immissione in ambiente di materiale geneticamente modificato attraverso la semina è un atto irreversibile, che contamina il patrimonio genetico delle nostre colture.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per tutti questi motivi è necessario una giusta informazione e una forte azione di sensibilizzazione al riguardo, che Legambiente (insieme a numerose organizzazioni del mondo agricolo, ambientalista, che danno vita alla Task Force contro gli OGM) realizza attraverso presidi, blitz, banchetti informativi, giochi e momenti di coinvolgimento dei cittadini, per ribadire che noi, nel nostro paese, gli OGM non li vogliamo!"
  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Torna il volo Parma-Trapani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento