rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca

Omicidio di Reggio Emilia: Genco avrebbe registrato tutto con il cellulare

Nel telefono del 24enne, che ha confessato il delitto, gli ultimi minuti di vita di Juana Cecilia Hazana Loayza

Mirko Genco, il 24enne di Parma, che ha ucciso la 34enne Juana Cecilia Hazana Loayza - ed è accusato anche di violenza sessuale nei suoi confronti avrebbe registrato gli ultimi minuti di vita della donna con il cellulare. Secondo quanto è emerso dagli atti della Procura della Repubblica il giovane avrebbe azionato il registratore vocale del suo telefono cellulare, circa un'ora prima di ucciderla. Questo nuovo elemento potrà fare luce sugli ultimi minuti di vita di Juana Cecilia, uccisa a coltellate dal 24enne, suo ex compagno che da mesi la stalkerizzava ed era stato già condannato due volte per questo motivo. 

Juana Cecilia Hazana Loayza uccisa da Mirko Genco a Reggio Emilia

Avrebbe sgozzato la sua ex compagna Juana Cecilia Hazana Loayza di 34 anni, lasciando il suo corpo senza vita all'interno di un parco pubblico in via Patti, vicino all'ex polveriera di Reggio Emilia. Ennesimo femminicidio che coinvolge la nostra città. 

Mirko Genco, 24enne di Parma, si trova in stato di fermo per l'omicidio della donna, nata a Lima in Perù ma residente a Reggio Emilia, con la quale aveva avuto una relazione, poi finita.

Il giovane, che alla fine dell'interrogatorio da parte dei carabinieri avrebbe ammesso le sue responsabilità, era già stato arrestato due volte proprio perché perseguitava la sua ex da mesi: una ventina di giorni fa, a seguito di una sentenza di patteggiamento con una sospensione condizionale della pena, era tornato libero. 

Le misure cautelari adottate contro di lui sono cadute il 4 novembre. Il 24enne di Parma era stato arrestato il 5 settembre per atti persecutori e il 6, dopo la convalida dell'arresto, era stato scarcerato e sottoposto alla misura cautelare del divieto di avvicinamento

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio di Reggio Emilia: Genco avrebbe registrato tutto con il cellulare

ParmaToday è in caricamento