Omicidio di Filomena Cataldi, Fang assolto per incapacità di intendere e volere

Il Giudice ha stabilito che dovrà rimanere per almeno 10 anni in una Rems

Guelin Fang, l'operaio 36enne cinese che il 22 agosto del 2018 uccise a San Polo di Torrile Filomena Cataldi, sua vicina di casa, è stato assolto dall'accusa di omicidio poichè è stato ritenuto incapace di intendere e volere. Il Giudice Mattia Fiorentini ha stabilito che dovrà trascorrere almeno dieci anni all'interno di una Rems. L'udienza era stata rinviata ad oggi, 11 giugno, durante l'ultimo dibattimento in Tribunale del 16 aprile del 2019. L'operaio cinese aveva confessato di aver massacrato la sua vicina di casa a colpo di mortaio il 22 agosto del 2018. La difesa aveva chiesto il rito abbreviato.

omicidio-torrile-3

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli avvocati della difesa avevano chiesto l'infermità mentale per il loro assistito, già considerato incapace di intendere e volere da parte dello psichiatria Renato Ariatti, nominato dal Giudice dopo l'interrogatorio di Fang con le Pm Lucia Russo e Francesca Arienti. Il 36enne cinese era convinto che Filomena Cataldi e il marito volessero ucciderlo, servendosi di due persone straniere che vivono in un altro appartamento del palazzo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Coronavirus: a Parma 21 nuovi casi e 2 morti

  • Parma fuori dall'incubo: nessun decesso e nessun nuovo caso

  • Morte del piccolo Jacopo, oggi l'autopsia: due persone indagate per omicidio colposo

  • Tragedia a Pilastrello, auto esce di strada: muore il conducente 51enne

  • Dal 3 giugno via libera agli spostamenti da Parma nelle altre regioni

Torna su
ParmaToday è in caricamento