menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Si, l'ho uccisa e per questo pagherò"

Luigi Colla, il 42enne in carcere per l'omicidio dell'ex fidanzata avrebbe fatto alcune ammissioni

Luigi Colla, il 42enne arrestato per l'omicidio dell'ex fidanzata Elisa Pavarani, una 39enne residente a Sala Baganza e uccisa a coltellate nella serata di sabato 10 settembre in largo Carli nella zona di via Sidoli si trova nel carcere di via Burla. Ieri 12 settembre è stata chiesta la convalida dell'arresto. Secondo le prime informazioni l'unico sospettato, accusato per ora di omicidio volontario, avrebbe fatto alcune ammissioni, preso dal senso di colpa per aver compiuto il delitto. La sua sarebbe una quasi confessione: avrebbe ammesso alcune cose ma resterebbero da chiarirne altre. Luigi Colla sarebbe consapevole del delitto compiuto e pentito per quello che ha fatto, tanto che avrebbe dichiarato che pagherà per quel che ha fatto. Per l'autopsia sul corpo di Elisa Pavarani si attende la giornata di oggi, 13 settembre. L'ago della bilancia girerebbe intorno all'ipotesi della premeditazione, rispetto alla quale gli inquirenti stanno lavorando per capire se quell'incontro fosse finalizzato al gesto violento e se Luigi Colla aveva pensato di invitare l'ex fidanzata a casa a quello scopo o avendo già in mente un piano per come farlo. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Al Family Food Fight trionfa Parma con i Dall'Argine

Attualità

Covid: a Parma oltre 124 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Sport

    Il Parma perde, condannato da Cerri: Serie B a un passo

  • Cronaca

    Precipita con il paracadute: muore un 60enne parmigiano

  • Cronaca

    Coronavirus, aumentano i positivi: sono 130

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il Museo d’Arte Cinese di Parma protagonista alla Sapienza di Roma

  • Cronaca

    Prosciutto di Parma, 2020 anno nero: calano vendite ed export

  • social

    Al Family Food Fight trionfa Parma con i Dall'Argine

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento