Omicidio Elisa, Colla dal carcere: i retroscena dell'interrogatorio

Convalidato il fermo

Luigi Colla, il 42enne che ha confessato l'omicidio dell'ex fidanzata Elisa Pavarani ha parlato ieri 14 settembre davanti al gip Maria Cristina Sarli: il fermo dell'uomo, che si trova attualmente nel carcere di via Burla di Parma è stato confermato. Le prove schiaccianti e la confessione dello stesso Luigi Colla hanno orientato la decisione del Giudice verso la conferma del provvedimento. Difeso dall'avvocato Matilde Rogato il 42enne avrebbe detto, in un interrogatorio interrotto spesso dalle lacrime, "non so perché l'ho fatto, in quel momento non so cosa mi sia preso". L'uomo è accusato di omicidio volontario. La donna, secondo l'autopsia, i cui risultati definitivi si potranno conoscere tra qualche giorno, sarebbe stata uccisa tra le 18 e le 18.30 con sei fendenti, tra cui uno al cuore. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

  • Tavolini ammassati e clienti senza mascherina: chiuso un locale di via Farini

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento