Omicidio di Fidenza: chiesta la perizia psichiatrica per il figlio che ha ucciso il padre a martellate

La difesa di Alessandro Bianchi ha chiesto la perizia: il padre 72enne Adamo è morto all'Ospedale di Vaio dopo 20 ore dal ricovero

Omicidio di Siccomonte. La difesa di Alessandro Bianchi, l'uomo di 35 anni, accusato di omicidio preterintenzionale per aver colpito con una mazzetta da muratore il padre Adamo Bianchi, che è poi morto all'Ospedale di Vaio dopo 20 ore dal ricovero, chiederà la perizia psichiatrica nei confronti dell'imputato. Il 35enne era seguito dai servizi psichiatrici e si è scagliato contro il padre dopo una lite nella giornata di domenica. Secondo la ricostruzione degli inquirenti la lite sarebbe scoppiata per motivi legati all'eredità e si sarebbe protratta per diverse ore. Quando Adamo, il padre 72enne già affetto da altre patologie, ha deciso di andare nei campi con il suo trattore a Siccomonte, una frazione del comune di Fidenza, il figlio lo ha raggiunto e lo ha colpito più volte alla gamba. La perizia stabilirà la capacità di intendere e volere del 35enne al momento dell'aggressione nei confronti del padre. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La psicosi della banda armata di spranghe: ma è solo una fake social

  • Si schiantano in auto contro un tir in A1: muoiono una 24enne incinta e il suocero 76enne

  • VIRUS CINESE | CASO SOSPETTO A PARMA: donna al Maggiore

  • "Fascista di m... ti prendo a schiaffi": candidata della Lega aggredita e minacciata a Sissa

  • Bollo auto, sconti e nuova modalità di pagamento: cosa cambia nel 2020

  • Fontanellato, operaio investito da un muletto: 59enne gravissimo al Maggiore

Torna su
ParmaToday è in caricamento