menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Omicidio Gouesh

Omicidio Gouesh

Omicidio Gouesh, a marzo rito abbreviato per Enrico Croci

Il reo confesso 46enne di Varano dè Melegari verrà processato usufruendo dello sconto di un terzo della pena: in aprile uccise la giovane 24enne con due colpi di pistola per motivi passionali

Enrico Croci, l'uomo di 46 anni che ha confessato l'omicidio della giovane Gouesh Woldmichael Gebrehiwot, conosciuta come Elsa, brutalmente uccisa il 3 aprile scorso con due colpi di pistola alla tempia e all'addome, verrà processato secondo il rito abbreviato nel marzo del 2012. In questo modo potrà usufruire dello sconto di un terzo della pena. La decisione è arrivata oggi da parte del Giudice per le indagini preliminari Paola Artusi. Croci è difeso dall'avvocato Mario L'insalata: la sorella si è costituita parte civile, assistita dall'avvocato Donata Cappelluto.

La 24enne si origine etiope è stata la vittima dell'uomo di Varano dè Melegari che, dopo l'omicidio, ha sepolto il cadavere nelle campagne di Pellegrino Parmense. Croci frequentava da tempo la giovane che risiedeva a Baganzola: in aprile, dopo una serata insieme, scattò la furia assassina dell'uomo che occultò il cadavere ma ammise le sue responsabilità portando la polizia sul luogo in cui aveva sepolto il cadavere.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Ponte della Navetta, Alinovi al Ministero: “Aprirlo entro Pasqua”

  • Attualità

    Aree verdi: 250 mila euro per i nuovi giochi bimbi

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento