Orrore a Bedonia: Luigi Guareschi ucciso in strada durante una lite per un muretto

La ricostruzione dell'omicidio avvenuto nella serata di lunedì 29 giugno: i vicini parlano della vittima come di una persona buona che aiutava tutti

L'omicidio di Luigi Guareschi, 70enne residente a Setterone, alle pendici del monte Penna, ha sconvolto il piccolo abitato che si trova nel territorio del comune di Bedonia. Chi conosceva Luigi - i vicini di casa ed altre persone del paese che parlavano spesso con lui - spendono parole di incredulità per una persona che era rispettata da tutti. Una morte drammatica ed assurda: il suo vicino di casa, il 63enne M.S. che ha confessato l'omicidio nella notte tra lunedì e martedì, - in caserma assistito dal suo avvocato - avrebbe colpito Guareschi con un grosso corpo contundente durante una lite dovuta ad un mancato accordo per la manutenzione di un muretto di confine.

L'assassino, che ora si trova in carcere con l'accusa di omicidio, avrebbe colpito il 70enne con tanta violenza, fino a fracassargli il cranio. Dopo l'omicidio l'aggressore ha lasciato il corpo in strada ed è tornato a casa, come se niente fosse. Poco dopo sono arrivati i carabinieri di Borgotaro che, grazie ad un blitz effettuato in pochissimo tempo, sono riusciti ad arrestare l'uomo, che ha poi confessato le sue responsabilità. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoratori si ribellano: "Il 15 gennaio apriremo nonostante i divieti"

  • Le regole dopo il 15 gennaio: ecco quando si potrà andare a trovare parenti e amici

  • Via al decreto gennaio, restrizioni fino a marzo: vietato uscire dalla regione, solo in due dagli amici

  • Parma scongiura la zona rossa

  • Parma in zona arancione: il calendario delle regole nel fine settimana

  • Dal 16 gennaio Parma rischia la zona rossa

Torna su
ParmaToday è in caricamento