menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Omicidio macedoni, assolti i consulenti di Daniele Saravini

Sono stati assolti dalle accuse di concorso in duplice omicidio e di minacce i due consulenti di Daniele Saravini, l'ex poliziotto di Parma condannato all'ergastolo dalla Corte d'assise di Brescia

Sono stati assolti dalle accuse di concorso in duplice omicidio e di minacce i due consulenti di Daniele Saravini, l'ex poliziotto di Parma condannato all'ergastolo dalla Corte d'assise di Brescia perché ritenuto il mandante dell'omicidio di due imprenditori macedoni, Hristo Uzunov ed Ekrem Salija, di 42 e 45 anni, che furono uccisi a colpi di pistola in una zona boschiva del monte Maddalena, a Brescia, il 23 giugno 2011. Erminio Bonato, commercialista milanese assistito dagli avvocati Carlo Salvo e Michele Salvato, al termine dell'udienza preliminare è stato assolto dalle accuse di concorso in omicidio, per non aver commesso il fatto, e di minacce, perché il fatto non sussiste.

Analoga sentenza anche per Fabio Aragona, consulente finanziario di Roma, assistito dall'avvocato del foro di Brescia Francesca Staurenghi, che aveva chiesto il rito abbreviato. Anche in questo caso l'uomo è stato assolto. I due consulenti avevano avuto contatti con Saravini e partecipato a riunioni in Svizzera con i due macedoni, vittime di una truffa finanziaria, e per questo erano stati considerati i mandanti 'morali' del duplice omicidio. Ai due imprenditori stranieri l'ex poliziotto Daniele Saravini si era presentato come mediatore finanziario; a lui i macedoni si erano quindi rivolti per ottenere un prestito milionario per aprire un centro commerciale a Skopje. Saravini aveva poi chiesto loro un anticipo di 400 mila euro, che non aveva più restituito.

LA VICENDA. Duplice omicidio della Maddalena: arrestato Daniele Saravini, ex poliziotto di Scurano
Avevano organizzato una maxi truffa finanziaria ai danni di due imprenditori macedoni (Hristo Uzunov ed Erem Salija di 42 e 45 anni che, però, si erano resi conto del raggiro. Questo il movente che avrebbe spinto Daniele Saravini, 37enne, ex poliziotto di Scurano (frazione di Neviano degli Ardiuni), ad uccidere i due macedoni e ad abbandonare i loro corpi sulla Maddalena, la montagna di Brescia, dove il 15 ottobre del 2011 sono stati trovati i corpi in avanzato stato di decomposizione. 
 

Potrebbe interessarti:https://www.parmatoday.it/cronaca/omicidio-maddalena-arrestato-daniele-saravini-scurano.html
Seguici su Facebook:https://www.facebook.com/ParmaToday
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: stop ai diesel Euro 4 fino a venerdì 5 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento