San Leonardo, il ricordo di Patience: "Non aveva nemici, era ben vista da tutti in quartiere"

La 43enne massacrata nella sua casa in via San Leonardo 21 lavorava come addetta alle pulizie in alcune case del quartiere e frequentava la Chiesa Pentecostale di Parma

Patience Nfum, 43enne originaria del Ghana, sposata con Fred Nyantakyi, era tornata da poco nella casa di via San Leonardo, 21. Aveva infatti trascorso un periodo nel suo Paese d'origine: poi aveva deciso di tornare e sabato si trovava già a Parma. Nel quartiere era conosciuta da molte persone ed era cordiale con tutti. Oggi i vicini la ricordano con affetto: "Era una persona molto tranquilla, davvero. Ho sempre pensato solo a cose positive riguardo a lei: non so se fosse incinta, questa è la voce che gira". Patience lavorava come addetta alle pulizie in alcune case del quartiere San Leonardo e frequentava la Chiesa Pentecostale: una vita che, secondo le voci di chi la conosceva, proseguiva tranquilla senza problemi evidenti. Chi avrebbe potuto fare del male a Patience? "Nessuno, non aveva nemici, almeno apparentemente. Era ben vista da tutti i residenti del quartiere: era la madre di tre figli, due maschi ed una femmina: una lavoratrice che è sempre stata apprezzata per il suo servizio". Patience frequentava la Chiesa Pentecostale. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, i 'furbetti' del supermercato: "Chi esce per comprare solo una birra è incosciente"

  • Coronavirus: a Parma sabato e domenica chiusi centri commerciali e supermercati

  • Salsomaggiore: muore il medico termale Ghvont Mrad

  • Coronavirus: il Gruppo Chiesi dona 3 milioni di euro e aumenta del 25% lo stipendio dei lavoratori

  • Coronavirus, Venturi: "Sistema al collasso se a Parma i contagi non diminuiscono"

  • Coronavirus: in arrivo una nuova certificazione

Torna su
ParmaToday è in caricamento