Omicidio a Sorbolo, il gestore del bar Cristallo: "Ha poggiato il caricatore sul bancone"

Il giorno dopo la tragedia, le testimonianze degli abitanti e del titolare del bar in cui l'omicida si è recato. "Ha poggiato il caricatore sul bancone, ha ordinato un bicchiere d'acqua e ha chiesto di chiamare i Carabinieri. Poco dopo lo hanno arrestato"

Bar Noris, luogo del delitto di Antonio Lapenna

Sorbolo è attonita il giorno dopo l'omicidio di Antonio Lapenna. Tra i residenti poca voglia di rilasciare commenti, ma nei bar e tra i banchi del mercato del mercoledì popolato proprio nella via Gramsci, non si parla d'altro. Il bar Noris, dove ieri Antonio Lapenna, 50enne originario di Foggia ma residente a Sorbolo da anni, è stato ucciso con un colpo di pistola e la barista è stata ferita gravemente, ha le saracinesche abbassate, è stato messo sotto sequestro dai Carabinieri. Nei tavolini esterni ancora i bicchieri dei clienti e le carte da gioco sul tavolino. Uno scenario che non lascia indifferenti i passanti, che si fermano a osservare il luogo del delitto e i segni sul marciapiede per i rilievi effettuati dalle forze dell'Ordine.

Il presunto omicida, Antonio Muto, operaio 40enne calabrese con precedenti penali, si era recato attorno alle 18,00 al bar e ha freddato la vittima per poi puntare la pistola contro la barista colpendola per poi dileguarsi per le vie del paese. Nella sua fuga si è diretto verso la sua abitazione, prendendo la provinciale, ma fermandosi al Bar Cristallo, e non alla gelateria a fianco come era stato erroneamente riferito inizialmente dagli organi di stampa.

"HA APPOGGIATO IL CARICATORE SUL BANCONE". "Mio marito era da solo nel momento in cui Antonio Muto è entrato nel bar, erano le 18,30 circa - racconta la moglie del titolare del bar dove ieri l'omicida si è recato dopo la tragedia -. Lo ha visto particolarmente agitato, ha poggiato il caricatore sul bancone. Ha ordinato un bicchiere d'acqua e ha chiesto a mio marito di chiamare i Carabinieri. Il nostro bar è lontano centinaia di metri dal bar Noris quindi ancora non si era diffusa la notizia dell'accaduto e mio marito non aveva idea di quanto fosse appena successo. Poco dopo sono arrivati i Carabinieri e lo hanno portato via. A ripensarci dopo ci sono venuti i brividi, non potevamo immaginare che quell'uomo avesse appena ucciso una persona". Tra le testimonianze raccolte in paese anche quella di una barista che lavora a pochi passi dal bar Noris e racconta di essere ancora sotto shock per l'accaduto: "Stavo lavorando e non ho visto nulla, ma ho sentito i colpi e le urla della gente. Siamo ancora tutti molto turbati per quello che è successo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento