Omicidio Tommy, la Conserva: "Ho paura del carcere perchè sono innocente"

Condannata in secondo grado a 30 anni per il sequestro e la morte del piccolo Tommaso Onofri, lo scrive in un appello diffuso dal suo collegio difensivo all'approssimarsi della discussione in Cassazione, il prossimo 13 dicembre

"Ho paura perchè sono in carcere da innocente e non voglio restarci". Lo scrive Antonella Conserva, condannata in secondo grado a 30 anni per il sequestro e la morte del piccolo Tommaso Onofri, in un appello diffuso dal suo collegio difensivo all'approssimarsi della discussione in Cassazione, il 13 dicembre, del suo ricorso e di quello dell'ex compagno Mario Alessi, che ha ricevuto l'ergastolo per lo stesso delitto.

"Sono stata condannata - scrive - perchè i due rapitori del bambino, Mario Alessi e Salvatore Raimondi, per salvarsi e per ottenere benefici mi hanno calunniata e messa in mezzo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: riapre il reparto Covid al padiglione Barbieri

  • Coronavirus, a Parma aumentano i casi: nove con un asintomatico

  • Incendio a San Prospero, vigili del fuoco a lavoro

  • Nuovo Dpcm: mascherine e distanziamento sociale fino al 7 settembre

  • Ribaltone Genoa: c'è Faggiano al posto di Marroccu

  • "L'aeroporto Cargo a Parma? Un disastro ambientale annunciato"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento